Ricerca e nutrizione

Letteratura Scientifica

Questa sezione è interamente dedicata alla letteratura scientifica, costantemente aggiornata con gli ultimi studi.

Contiene:
  • raccolta di riferimenti bibliografici relativi a fattori nutritivi, elementi funzionali e corrispondenti aree tematiche
  • riassunti in italiano di importanti articoli di letteratura relativi ai temi trattati
  • pubblicazioni Parmalat.
apparato gastrointestinale ed equilibrio della flora microbica
Probiotici e galatto-oligosaccaridi prebiotici nella prevenzione delle malattie allergiche: un esperimento randomizzato, in doppio cieco, placebo-controllato.

Kukkonen K, Savilahti E, Haahtela T, Juntunen-Backman K, Korpela R, Poussa T, Tuure T, Kuitunen M. Probiotics and prebiotic galacto-oligosaccharides in the prevention of allergicdiseases: A randomized, double-blind, placebo-controlled trial. J Allergy Clin Immunol. 2007 Jan;119(1):192-8. Epub 2006 Oct 23.

Probiotici e galatto-oligosaccaridi prebiotici nella prevenzione delle malattie allergiche: un esperimento randomizzato, in doppio cieco, placebo-controllato.

La prevenzione delle allergie si sta orientando verso l’induzione della tolleranza orale, in cui probiotici e prebiotici potrebbero svolgere un ruolo importante. Nei neonati, le caratteristiche del microbiota intestinale, prerequisito per l’induzione della tolleranza orale, potrebbero essere correlate all’instaurarsi di allergie e anticorpi IgE.
In questo studio, l’obiettivo era di studiare se la supplementazione dietetica di una combinazione di 4 ceppi probiotici associata a prebiotici, quali i galatto-oligosaccaridi (GOS), fosse in grado di proteggere i neonati contro le malattie allergiche.
1223 madri gravide sono state reclutate e randomizzate in due gruppi, uno trattato con una miscela di 4 ceppi probiotici, l’altro con un placebo. Nel gruppo trattato, durante le 2-4 settimane prima del parto, le madri assumevano 2 volte al giorno, una capsula contenente Lactobacillus rhamnosus GG, L rhamnosus LC705; Bifidobacterium breve Bb99 e Propionibacterium freudenreichii ssp. shermanii JS. I bambini, appena nati (n=461), ricevevano gli stessi probiotici miscelati con 20 gocce di sciroppo di zucchero contenente 0.8 g di GOS, una volta al giorno, per 6 mesi. Nel gruppo placebo le madri e i loro neonati (n=464) assumevano capsule contenenti cellulosa microcristallina e i neonati ricevevano sciroppo di zucchero senza GOS. La scelta di una miscela di probiotici aveva il ruolo di stimolare ampiamente il sistema immunitario della mucosa, poiché la diversità del microbiota intestinale è cruciale per lo sviluppo della tolleranza della mucosa.
Dopo 3, 6 e 24 mesi dalla nascita, un pediatra registrava la storia medica del neonato relativa ai sintomi legati a malattie allergiche ed esaminava clinicamente i neonati. I principali parametri considerati erano l’incidenza cumulativa di qualsiasi malattia allergica (allergia alimentare, eczema, asma, e rinite allergica) e malattia IgE-associata (atopica). Parametri secondari erano l’eczema e la sensibilizzazione da IgE (prick test positivo o livelli di IgE sieriche antigene-specifiche >0.7 kU/L).
I risultati di questo studio dimostrano che il trattamento con la combinazione di probiotici e prebiotici non avevano un effetto preventivo complessivo sulle malattie allergiche sino a 2 anni. D’altra parte il trattamento tendeva a ridurre le malattie IgE-associate (atopiche). La somministrazione con probiotici e prebiotici riduceva significativamente l’eczema, dal 32% al 26% e l’eczema IgE-associato, dal 18% al 12%.
Dopo 3 e 6 mesi dalla nascita, l’intestino del gruppo di bambini trattati era più frequentemente colonizzato con lattobacilli e batteri propionici rispetto al gruppo non supplementato. Questo è un risultato importante, dato che studi epidemiologici hanno mostrato che il deficit di lattobacilli e bifidobatteri nella flora intestinale neonatale precede lo sviluppo di malattie atopiche.
In questo studio le basse incidenze delle malattie allergiche all’età di 2 anni non permettono di confermare il ruolo dei probiotici nella loro prevenzione. Questa bassa incidenza è anche dovuta agli stretti criteri diagnostici usati, basati sulla conferma del pediatra dello studio e non su sintomi riportati dai genitori o sui resoconti dei genitori relativi alle diagnosi dei medici.
In conclusione questo ampio studio di intervento prospettico indica che probiotici e prebiotici possano fornire protezione contro l’eczema atopico, essendo emersa un’associazione inversa tra la modificazione del microbiota intestinale indigeno e la prevalenza di eczema, specialmente se IgE-associato. Se questo effetto continui, estendendosi anche alle allergie delle vie aeree che si manifestano successivamente, resta da esplorare in studi di follow-up su questo gruppo di bambini.

Registrati adesso

Per ricevere periodicamente con newsletter informazioni scientifiche e di ricerca sul tema dell'alimentazione
-
Per ricevere direttamente (al domicilio indicato nel form 'di iscrizione) materiale medico informativo da consegnare ai pazienti
-
Per ricevere direttamente (al domicilio indicato nel form di iscrizione) nuovi prodotti Parmalat

Registrati arrow
News