Ricerca e nutrizione

Letteratura Scientifica

Questa sezione è interamente dedicata alla letteratura scientifica, costantemente aggiornata con gli ultimi studi.

Contiene:
  • raccolta di riferimenti bibliografici relativi a fattori nutritivi, elementi funzionali e corrispondenti aree tematiche
  • riassunti in italiano di importanti articoli di letteratura relativi ai temi trattati
  • pubblicazioni Parmalat.
latti funzionali
Coenzima Q10: assorbimento, accumulo nei tessuti, metabolismo..

HN. Bhagavan, RK Chopra Coenzyme Q10: Absorption, tissue uptake, metabolism and pharmacokinetics Tishcon Corporation, Westbury, NY, USA Free Radical Research, May 2006; 40(5): 445–453 Coenzima Q10: assorbimento, accumulo nei tessuti, metabolismo e farmacocinetica. In questo lavoro sono riassunti ed illustrati i dati disponibili su assorbimento, metabolismo e farmacocinetica del Coenzima Q10 (CoQ10). Il CoQ10 è un componente fondamentale della catena mitocondriale per il trasporto degli elettroni, ma oltre al ruolo bioenergetico il CoQ10 è anche un importante antiossidante. Proprio perché la sua presenza è necessaria in tutte le cellule è chiamato anche ubichinone. Questa molecola, a causa della sua elevata idrofobicità e del suo alto peso molecolare, ha un assorbimento lento e limitato. In caso di supplementazione dietetiche, formulazioni con il CoQ10 solubilizzato consentono di aumentarne la biodisponibilità. In generale, aumentando la dose somministrata, la percentuale assorbita si riduce, ma fortunatamente non ci sono problemi di sicurezza nella somministrazione di CoQ10 che è un composto considerato assolutamente innocuo. La concentrazione plasmatica massima di CoQ10 viene raggiunta dopo sei ore dalla somministrazione, mentre l’emivita del CoQ10 è di 33 ore. Il 95% del CoQ10 presente nel plasma si trova nella forma ridotta; nel cervello e nei polmoni la percentuale di CoQ10 ossidato è molto alta (fino al 75% di CoQ10 ossidato), probabilmente perché questi tessuti sono sottoposti ad un intenso stress ossidativo. I quantitativi di CoQ10 riscontrati nel plasma vanno da 0.40 a 1.91 mmol per litro in adulti sani, con significative differenze tra le popolazioni. Poiché il CoQ10 è sintetizzato da tutti i tessuti, non dovrebbe essere necessario effettuare una somministrazione esogena in soggetti sani, però la concentrazione di CoQ10 nei tessuti dipende da molti fattori e può essere ridotta da fenomeni di stress, di invecchiamento e naturalmente da molti stati patologici. Gli studi su animali indicano che dopo somministrazione di CoQ10 in alte dosi una parte viene assorbita dai mitocondri del cuore e del cervello, ma gli studi sull’uomo mostrano che è molto difficile modificare la concentrazione di CoQ10 nel plasma con diete ricche di alimenti che lo contengono. Anche fornendo una singola dose di formulati ricchi in CoQ10 non si hanno modificazioni significative. Invece, interventi prolungati (almeno 2-3 mesi) con formulati in cui il CoQ10 viene disperso in olio, sono in grado di modificare significativamente la concentrazione di composto nel sangue. Questo ha delle implicazioni terapeutiche per alcune patologie e ci sono delle evidenze positive osservate in studi di supplementazione con CoQ10 in soggetti con malattie cardiovascolari e patologie neurodegenerative.

Registrati adesso

Per ricevere periodicamente con newsletter informazioni scientifiche e di ricerca sul tema dell'alimentazione
-
Per ricevere direttamente (al domicilio indicato nel form 'di iscrizione) materiale medico informativo da consegnare ai pazienti
-
Per ricevere direttamente (al domicilio indicato nel form di iscrizione) nuovi prodotti Parmalat

Registrati arrow
News