Ricerca e nutrizione

Letteratura Scientifica

Questa sezione è interamente dedicata alla letteratura scientifica, costantemente aggiornata con gli ultimi studi.

Contiene:
  • raccolta di riferimenti bibliografici relativi a fattori nutritivi, elementi funzionali e corrispondenti aree tematiche
  • riassunti in italiano di importanti articoli di letteratura relativi ai temi trattati
  • pubblicazioni Parmalat.
latti funzionali
Zinco e funzione immunitaria

M. Dardenne. Zinc and Immune Function. Universite´ Paris V, Hospital Necker, Paris, France. European Journal of Clinical Nutrition (2002) 56, S20 – S23. Zinco e funzione immunitaria Lo zinco, presente in piccole quantità nella dieta, è un elemento essenziale che influenza la crescita, ed è indispensabile per lo sviluppo del sistema immunitario. La ricerca scientifica ha cominciato a chiarire i meccanismi molecolari dell’azione dello zinco sul sistema immunitario utilizzando dei modelli animali molto efficaci, quali i topi con invecchiamento precoce. I dati disponibili indicano che lo zinco agisce su enzimi, peptidi del timo e citochine, che sono mediatori del sistema immunitario e per questo lo zinco esercita un ruolo chiave sull’attivazione delle cellule del sistema linfatico, la loro proliferazione e l’apoptosi. Quando questi topi vengono fatti crescere in carenza di zinco non riescono a produrre le cellule NK (natural killer) e quindi sviluppano facilmente diverse patologie e alcuni tumori. Questo processo viene bloccato ripristinando lo zinco nella dieta di questi animali. Sono stati proposti molti meccanismi per spiegare gli effetti fisiologici dello zinco: è un cofattore di enzimi, è necessario per alcuni immunomodulatori, può stabilizzare le membrane agendo sul citoscheletro e può regolare l’apoptosi dei linfociti. Il processo di invecchiamento è spesso associato a una diminuzione della funzione immunitaria e ad un conseguente aumento di infezioni alle vie respiratorie. Negli anziani si riscontra frequentemente una deficienza di zinco nella dieta e per questo studi di supplementazione con zinco o con combinazioni di zinco e selenio hanno decisamente migliorato la funzione immunitaria in anziani che avevano seguito un programma di vaccinazioni. Ricerche in corso stanno studiando lo stato immunologico di alcuni gruppi a rischio di carenza di zinco e si ipotizza che saranno necessari interventi nutrizionali con supplementazione di zinco per prevenire le alterazioni del sistema immunitario e per migliorare la resistenza alle infezioni.

Registrati adesso

Per ricevere periodicamente con newsletter informazioni scientifiche e di ricerca sul tema dell'alimentazione
-
Per ricevere direttamente (al domicilio indicato nel form 'di iscrizione) materiale medico informativo da consegnare ai pazienti
-
Per ricevere direttamente (al domicilio indicato nel form di iscrizione) nuovi prodotti Parmalat

Registrati arrow
News