Condividi


Yogurt a colazione

Negli anni, l’importanza del calcio per il corpo umano – soprattutto per le ossa e la muscolatura – è stata ampiamente dimostrata da fior di studi scientifici, gli stessi che spiegano perché alimenti come il latte e i suoi derivati (yogurt, latticini, formaggi stagionati, formaggi freschi, ecc.) sono più idonei di altri a fornire all’organismo questo minerale imprescindibile per la sua salute.

Il latte e i suoi derivati, infatti, grazie alla sua composizione non solo garantisce un’integrazione alimentare di calcio, ma fa sì che questa sostanza venga anche assimilata correttamente dall’organismo grazie al lattosio, lo zucchero naturale contenuto nel latte. L’organismo non assimila tutto il calcio introdotto attraverso gli alimenti: solo una parte di questo calcio è davvero utile, e grazie al lattosio la quantità di calcio assimilata bevendo latte è superiore a quella assimilata per esempio mangiando verdure come gli spinaci, i quali, pur ricchissimi di calcio, contengono anche acidi che ne limitano l’assorbimento da parte del corpo umano. Che fare dunque se il latte proprio non piace? O se i propri figli si rifiutano di berlo? Il problema è meno rilevante di quanto potrebbe sembrare, perché lo yogurt rappresenta un ottimo sostituto del latte, e a differenza di quest’ultimo solitamente piace a tutti, anche perché in commercio ne esistono varianti di tutti i tipi: da quelle light alle confezioni di yogurt alla frutta, arricchite con aromi naturali e pezzi di frutta fresca oppure con muesli, cereali e scaglie di cioccolato. C’è dunque uno yogurt per tutti i gusti: impossibile non trovarne uno di proprio gradimento!


La colazione ideale a base di yogurt e cereali


Contrariamente al latte, inoltre, lo yogurt è un alimento molto versatile, che si presa cioè a essere consumato ovunque, e in momenti diversi della giornata. Un vasetto di yogurt può essere portato in ufficio per essere consumato come merenda o pausa pranzo quando si è oberati di lavoro, ma può anche rappresentare un ottimo integratore dopo uno sforzo fisico intenso, per esempio mezz’ora di corsa al parco o una lezione di zumba con le amiche. In questo caso, un’ottima compensazione di nutrimenti ed energia immediatamente spendibile dall’organismo è rappresentata da una tazza di latte arricchito da una manciata di cereali (http://www.parmalat.it/dieta-sana/alimentazione-e-sport/una-tazza-di-latte-dopo-lo-sport), ma se il latte non piace, la stessa funzione può essere svolta da un freschissimo vasetto di yogurt accompagnato da un frutto a scelta o da una manciata di noci o mandorle.

Tuttavia c’è un momento della giornata in cui un vasetto di yogurt – sempre accompagnato da altri alimenti come cereali, frutta fresca o succhi di frutta, fette biscottate, marmellata o miele – è in grado di garantire tutto lo sprint e l’energia necessarie per iniziare al meglio una nuova giornata: si tratta della colazione, ovvero di quello che probabilmente è il pasto più importate di tutta la giornata.


L'importanza della prima colazione


Ci sono molte persone che quando si svegliano al mattino non hanno fame, o peggio ancora ne hanno ma non hanno tempo di fare colazione, per cui ingurgitano un caffè al volo e corrono a lavoro, incuranti dei danni che ciò comporta all’organismo. La prima colazione, infatti, è assolutamente fondamentale per cominciare la giornata; come il carburante per un’auto: non può mancare, né può andare in riserva, pena prestazioni molto al di sotto di quelle standard e un lento logorio del motore. Ma la colazione del mattino è fondamentale anche perché sveglia e attiva il metabolismo, quel processo organismo che brucia calorie, trasformandole in energia immediatamente spendibili nelle attività quotidiane. Un metabolismo attivo, risvegliato al momento giusto con un break a base si cibi sani e leggeri, facilmente digeribili, è garanzia di una maggiore quantità di calorie bruciate, dunque di propensione a restare in forma e a dimagrire senza fare enormi sacrifici. Fare colazione è dunque fondamentale, ma è anche importante fare la colazione giusta, che non appesantisca e che venga digerita con facilità.

La classica colazione da bar – ovvero cornetto + caffè espresso – non è l’ideale, sia perché le enormi quantità di zuccheri contenute nei dolci di pasticceria provocando un calo glicemico a metà mattina, col risultato che si ha nuovamente fame, sia perché la digestione lenta e laboriosa di cui necessitano alimenti così pesanti rischia di appesantire, favorendo sonnolenza e pigrizia. Qual è dunque la colazione ideale per partire alla grande, ben svegli e pieni d’energia? La risposta è semplice: una colazione leggera ma nutriente, a base di frutta fresca o spremute fatte sul momento, cereali, fette biscottate arricchite da un velo di miele o marmellata e un vasetto del proprio yogurt preferito. Lo yogurt bianco, soprattutto, si presta a essere arricchito con della frutta fresca a pezzettini e con i propri cereali preferiti: da solo, costituisce così una colazione ideale, ricca di nutrienti ma anche di vitamine che favoriscono l’assimilazione del calcio contenuto.


Lo yogurt in cucina, un ingrediente ideale per chi è a dieta


Il bello dello yogurt è che, oltre a essere amato da molti, è un alimento adatto proprio a tutti, persino a chi sta seguendo una dieta ipocalorica col preciso intento di dimagrire. Addirittura esistono diverse varianti della dieta dello yogurt, una dieta che – pur non essendo mono-dieta, nel senso che comunque prevede una grande varietà di cibi e di combinazioni alimentari – promette di far perdere peso grazie alle tante proprietà dello yogurt, che viene usato non solo da solo, dunque come colazione o spuntino, ma anche abbinato a molti altri cibi, per i quali funge da condimento leggero e ipocalorico. Gli impieghi dello yogurt nella gastronomia nostrana sono pressoché infiniti: oltre a rappresentare un valido sostituto del latte in ogni ricetta che ne preveda l’utilizzo, lo yogurt in cucina è uno degli ingredienti più versatili e può essere utilizzato per preparare fantastiche salse o condimenti, per arricchire primi o secondi piatti, per realizzare gustosissimi dolci light, ovvero versioni più leggere di dolci al cucchiaio altrimenti estremamente calorici, come per esempio il tiramisù.


prossimo articolo

Pollo allo yogurt

LEGGI