Condividi

Parmalat - logo

Come si prepara il timballo di pasta

Il timballo di pasta è uno dei piatti più importanti della cucina italiana. Si prepara con della pasta sfoglia e si condisce con sughi e altre prelibate pietanze.


L’origine di questa ricetta è araba, come del resto molti altri piatti che hanno influenzato la cucina del sud. Si suppone derivi dal termine atabal, ossia “timpano”, lo strumento musicale a percussione utilizzato anche nelle orchestre. Il nome deriva, in questo caso, dalla forma rotonda del contenitore in cui viene cucinato il timballo e che, a sua volta, ricorda quella del timpano.


Adesso le ricette di timballo hanno variato molto la loro forma, infatti se ne trovano di tutti i tipi: dallo stampo rettangolare a quello quadrato, dalla forma ovale a quella ad anello. Quello che non cambia è il suo aspetto gustoso e sfizioso.


Ci sono tesi che fanno risalire il timballo all’epoca rinascimentale, sempre legata all’idea del timpano, ma in questo caso a indicare proprio la particolarità del piatto che vede una copertura di pasta frolla, che si associa, quindi, alla membrana che ricopre il famoso strumento musicale.


Oggi vi indicheremo come realizzarlo nel metodo classico e come aggiungere altri ingredienti per farlo diventare sfizioso e appetitoso.


Quando si parla di timballo si intende un piatto salato a base di pasta condita con vari sughi, che possono essere sia di carne che di verdure.

Il timballo è realizzato da uno strato di pasta, che può essere pasta brisée o pasta sfoglia, un ripieno abbondante di carne o verdure e infine un ultimo involucro di pasta, che ha la funzione di chiusura del vostro piatto. Si tratta di un vero e proprio piatto unico, tanto è ricco e nutriente.


Con l’epoca moderna in molti hanno iniziato a togliere l’ultimo strato di pasta, prediligendo una veduta del ripieno, ma in questo caso va perdendosi un poco il concetto di timballo stesso presentando una specie di torta salata o addirittura pasta al forno.


Sempre in vista delle “riletture” del timballo c’è chi omette in parte la pasta, andando a realizzare con altri ingredienti l’involucro che conterrà il ripieno. Un esempio è il forte utilizzo del parmigiano grattugiato, di verdure (come le melanzane) o addirittura crespelle che una volta in forno diventano talmente croccanti da fare da contenitore.


Il timballo, legato alla tradizione del sud (dalla Sicilia alla Campania) ha qualche picco anche nella patria della pasta fresca, ossia l’Emilia Romagna, dove si prediligono i maccheroni.


Come fare il timballo di pasta



  • Per preparare un timballo di pasta dovete iniziare dal sugo che andrà a comporlo. Si tratta di un procedimento facile e veloce, ma l’unico elemento che vi richiederà più tempo è il ragù.

    Dovrete scegliere se fare un ragù di carne o mettere insieme varie verdure.

  • Quello che dovrete comunque preparare sarà un leggero soffritto a base di olio extravergine di oliva e cipolla. Se vorrete creare qualcosa di più saporito potete inserire anche altri odori come carota e sedano.

  • Adesso potete versare della passata di pomodoro che lascerete sul fuoco per una mezzoretta. Nel caso non aveste la passata, potete prendere dei pomodori classici, togliergli la pellicina esterna e farli appassire in padella.

  • A questo punto se avete della carne macinata potete metterla al fuoco e cuocere insieme al sugo di pomodoro. Insaporite il tutto con sale e pepe.

  • Nel frattempo, mettete a bollire l’acqua per cuocere i vostri rigatoni. Vi consigliamo di scolarli ancora al dente perché cuoceranno ulteriormente in forno.

  • Prendete una ciotola capiente e versate i rigatoni insieme al vostro sugo, mettete dentro anche molto parmigiano grattugiato e mozzarella (o anche qualche altro formaggio). Potete inserire anche altre verdure o avanzi della sera precedente, il timballo è nato proprio per recuperare pietanze non terminate il giorno prima e riproposte in una versione totalmente inedita.

  • Prendete una teglia e copritela con della carta da forno, adagiateci dentro la pasta sfoglia, dopodiché inserite il vostro ripieno di rigatoni e sugo. Ricoprite il tutto con altra pasta sfoglia, in modo da chiudere per bene ogni lato del vostro timballo, tagliate la pasta in eccesso e magari utilizzatela per fare dei piccoli aperitivi magari arrotolandoli su dei würstel: non si spreca nulla! Per realizzare un sugo ancora più succulento e cremoso vi consigliamo di inserire all’interno della panna oppure della besciamella, come la Besciamella Classica Chef.

  • Spennellate il vostro timballo con un uovo sbattuto in maniera da realizzare quella crosta dorata molto invitante.

  • Inserite in forno preriscaldato a 180° per 30 minuti.

  • Non servitelo bollente ma attendete 5-10 minuti prima di portarlo in tavola.


Come fare il timballo di pasta alla salsiccia


Per far diventare il vostro timballo un vero e proprio piatto ricco, potete abbondare con gli ingredienti.


È infatti molto gettonato un ragù di salsiccia e mozzarella, da inserire all’interno di un classico timballo.

Il procedimento è molto semplice, vi basterà mettere a rosolare uno spicchio d'aglio in una padella insieme a dell'olio extravergine d'oliva, dopodiché dovrete aggiungere delle salsicce spellate e della semplicissima passata di pomodoro. Aggiustate il vostro piatto con un pizzico di sale, ma state molto attenti a non rendere il vostro piatto troppo saporito, infatti spesso le salsicce sono già molto sapide di loro.


Proseguite con il classico procedimento per il timballo, ma nel momento in cui andrete a riempire la vostra pasta sfoglia o pasta brisée iniziate con uno strato di abbondante besciamella, e proseguite con il sugo alla salsiccia e la pasta, che avete prescelto di inserire all'interno del vostro timballo.


Aggiungete anche la mozzarella, che volendo potrete variare con altri tipi di formaggi, come lo stracchino, il gorgonzola o la provola.


Adesso versate abbondante parmigiano e coprire con altra pasta il vostro timballo. Chi non vuole spennellare il timballo con dell’uovo, può mettere dei semplici ricciolini di burro nella parte esterna.


Adesso dovrete semplicemente mettere in forno il timballo e attendere che venga ultimata la cottura per poi servire in tavola.


Altre gustose varianti sono un ragù a base di salsiccia e carciofi oppure un ragù di salsiccia e piselli: in qualsiasi caso realizzerete un piatto fragrante e gustoso.


Come fare il timballo di pasta alle verdure


Per gli amici vegetariani è possibile realizzare un appetitoso timballo vegetariano.


Vi basterà unire un mix di verdure creato con broccoli, porri, cipolle, funghi porcini, zucca e noci.


Potete realizzare questo timballo in modo classico ossia coprendo con della pasta sfoglia una teglia, preparare il ripieno e foderare ulteriormente, con altra pasta sfoglia, il composto.


Per chi invece volesse realizzare più che un timballo uno sformato, potrà sostituire la pasta sfoglia con una purea di patate.


Per quanto riguarda il ripieno dovrete inizialmente mondare per bene le vostre verdure. In una padella, fate rosolare e appassire il porro e la cipolla tritati. Dopodiché unite la zucca tagliata a cubetti e i broccoli, suddivisi in piccole cime. Unite anche un mestolo di acqua calda, al fine di appassire meglio le vostre verdure. Un consiglio è quello di tagliare più finemente possibile queste verdure, altrimenti ci vorrà molto tempo per cuocerle.


L'ultimo ingrediente da aggiungere sono i funghi, che impiegheranno molto meno tempo a cuocere.


Quando il composto sarà cotto, andate a versarlo all'interno della vostra pasta sfoglia, adagiate poi le vostre noci e versate il formaggio grattugiato.


Infine fate cuocere il tutto in forno statico preriscaldato a 200°per 20 minuti. Prima di servire il vostro timballo, attendete qualche minuto affinché si intiepidisca.


Come fare il timballo di pasta con prosciutto cotto


Altro tipo di timballo molto gettonato è quello con pomodori e prosciutto cotto oppure il timballo con patate e prosciutto cotto,.


Nel primo caso, vi basterà realizzare lo stesso procedimento di un timballo classico e aggiungere al momento della creazione del ragù, anziché della carne macinata, dei dadini di prosciutto cotto e, al posto della passata di pomodoro, i pomodorini freschi.


Per quanto riguarda invece il timballo di patate e prosciutto cotto, potete trovare varie ricette in cui viene definito sformato e non timballo. Infatti, questa pietanza, ha la caratteristica di non utilizzare la classica pasta sfoglia o pasta brisée. Verrà realizzato uno sformato di patate lesse, a cui sarà aggiunto del burro, del sale, del pepe e della noce moscata. In una ciotola a parte verranno mescolati i tuorli d’uovo, della mozzarella tagliata a pezzetti e del prosciutto cotto. A parte dovrete montare gli albumi. A questo punto prenderete una pirofila di grandi dimensioni e ci verserete dentro tutto il composto. In superficie versate abbondante parmigiano grattugiato, dei fiocchetti di burro e infornate il tutto per circa 20 minuti a 200 gradi.


Come fare il timballo di pasta con melanzane e ricotta


Tra i timballi, quello realizzato con ricotta e melanzane, è sicuramente il più mediterraneo.


Il procedimento è molto semplice, infatti per preparare un buon timballo vi basterà tagliare delle melanzane a fette molto sottili con cui realizzerete la base del vostro timballo.


Insaporite bene le melanzane e adagiatele in una pirofila. Intanto, dedicatevi a realizzare un buon sugo e, per farlo, dovete prendere una bella pentola capiente, dove potrete rosolare della carne macinata insieme alla cipolla.


Dopo aver regolato di sale, aggiungete la polpa di pomodoro e cuocete il tutto. Potete aggiungere anche del basilico tritato per rendere ancora più sfizioso il vostro piatto.


Fate bollire anche i rigatoni in abbondante acqua salata e scolateli al dente.


Adesso potete versare il vostro composto all'interno della pirofila ricoperta di melanzane. Partite realizzando degli strati come se stesse preparando una pasta al forno: abbondante besciamella, uno strato di pasta, mozzarella a pezzi e cucchiai abbondanti di ricotta, e infine il vostro ragù. Anziché coprire come sempre il vostro timballo con della pasta sfoglia, in questo caso, potrete rivestire il tutto con altre melanzane.


Diventerà uno dei piatti più gettonati per un ricco e gustoso pranzo! Potete provare a variare il piatto mettendo delle zucchine al posto delle melanzane.


Come fare il timballo di pasta con pesce


Delicato e profumato è senz'altro il timballo di salmone e zucchine. Si tratta di un timballo molto speciale e, anche in questo caso, non dovrete utilizzare la pasta sfoglia.


Iniziate tagliando a fettine sottilissime le vostre zucchine, grigliatele e versatele in una pirofila con abbondante olio e sale, dove le lascerete a macerare per un pochino di tempo.


Nel frattempo, andate a realizzare il vostro ripieno. Prendete un trancio di salmone bello fresco e andate a togliere tutte le eventuali lische di cui è composto, utilizzando una pinza da cucina. Eliminate la pelle e iniziate a tagliare il vostro salmone in strisce molto fini, che successivamente dividerete in tanti cubetti. Prendete delle patate lesse e passatele allo schiacciapatate, insaporite con del sale, del pepe e del timo. Unite insieme il salmone e le patate. Adesso potete recuperare le vostre zucchine e andateci a rivestire una teglia.


Versate all'interno il ripieno di salmone e patate, coprite nuovamente con altre zucchine grigliate. Adesso potete Infornare a 180° per 15 minuti e in seguito servire. Potete realizzare anche delle mini porzioni di timballo di salmone e zucchine, utilizzando gli stessi pirottini con cui fate in casa i muffin o i dolcetti.


Come fare il timballo di pasta senza forno


Volete realizzare un timballo per una serata tra amici ma non avete il forno o vi si è rotto?


Nessun problema, potrete realizzare il vostro buonissimo timballo in padella!


Vi basterà prendere una teglia bassa, coprirla con uno strato di pasta sfoglia e iniziare a cuocerlo. Mettete dei legumi secchi al centro in maniera tale che la vostra pasta sfoglia non si alzi.


Vi consigliamo di ungere per bene la vostra padella prima di andare a mettere la pasta sfoglia, altrimenti rischierete vi si attacchi.


Preparate il vostro ripieno, togliete i legumi, e andate a versare il vostro ragù. Coprite con un altro strato di sfoglia e adagiate sopra un coperchio per pentole.


Adesso attendete che il vostro timballo in padella cuocia e infine gustate.


 


prossimo articolo

Chi ha inventato la besciamella

LEGGI