Condividi

Latte

Il latte rappresenta un prezioso alleato dell'alimentazione quotidiana degli adulti e dei più piccoli. I prodotti Parmalat dedicati a questo importante alimento sono pensati per tutti i gusti ed esigenze. In questa pagina puoi scoprire tutte le tipologie di prodotto, dal latte intero a quello scremato e parzialmente scremato. Nella gamma di prodotti Parmalat, inoltre, troverai il latte senza lattosio, il latte microfiltrato, il latte per bambini da 1 a 3 anni e alcuni latti speciali.

Perché il latte fa bene?


Il latte è uno dei pochi alimenti che contengono in un’unica fonte alimentare:

  • macronutrienti (proteine, grassi e zuccheri) e

  • micronutrienti (vitamine e sali minerali) di cui abbiamo bisogno per mantenerci sani;

  • proteine ad alto valore biologico (che contengono cioè tutti gli amminoacidi essenziali che l’organismo non riesce a produrre), come le caseine e le proteine del siero;

  • zuccheri semplici come il lattosio, facilmente utilizzabili dall’organismo come fonte di energie;

  • grassi (o lipidi), che in quantità equilibrate sono essenziali come riserva di energia, per costituire le membrane cellulari e per la sintesi di molte molecole bioattive, come gli ormoni.

  • calcio: fin da piccoli impariamo che il latte è importante perché contiene molto calcio; è vero, il latte è una delle fonti alimentari più ricche di questo fondamentale minerale, che qui si presenta in una forma particolarmente assimilabile, anche se non è l’unica.

  • Altri micronutrienti presenti nel latte sono fosforo, magnesio, e le vitamine del gruppo B, ad esempio la B6, la riboflavina (B2) e, soprattutto nel latte intero, le vitamine liposolubili come la vitamina A, la vitamina E e la vitamina D.

  • Il latte infine, in quanto alimento liquido, è costituito per l’80% da acqua, di cui l’organismo ha bisogno ogni giorno in grandi quantità.


Latte e derivati sono quindi alimenti molto completi che, in assenza di intolleranze, allergie, o di alcune specifiche condizioni patologiche, possono essere consumati con tranquillità quotidianamente.

Quale sono le tipologie di latte?


Latte pastorizzato, UHT, parzialmente scremato, intero o a lunga conservazione: sono tutti attributi che naturalmente associamo al latte e che sono ormai parte del linguaggio comune, talvolta facendo un po’ di confusione sul loro significato. Gli attributi “intero”, “parzialmente scremato” e “scremato” si riferiscono al contenuto di grassi, quindi a una componente nutrizionale. La denominazione “pastorizzato” o “UHT”, invece, si riferisce al trattamento termico di conservazione a cui il latte è stato sottoposto.

A seconda del contenuto di grassi abbiamo il latte:

Che differenza c’è tra latte crudo, pastorizzato e latte a lunga conservazione?


Il trattamento termico è il metodo universalmente utilizzato per rendere il latte un prodotto sicuro dal punto di vista batteriologico.

Il latte viene denominato in base al tipo di trattamento termico in:

  • LATTE CRUDO

  • LATTE PASTORIZZATO

  • LATTE UHT (ULTRA HIGH TEMPERATURE)


Il latte crudo è il latte appena munto e comunque non sottoposto a una temperatura superiore a 40°C, né ad alcun trattamento equivalente. Il latte crudo contiene inalterati tutti i macro e i micronutrienti ma il suo consumo deve essere effettuato dopo bollitura per scongiurare il rischio di infezioni e contaminazione microbica

Il trattamento di pastorizzazione consiste nel riscaldare il latte ad almeno 72°C per 15 secondi e serve per renderlo igienicamente sicuro e poterlo mantenere tale in frigorifero per almeno quattro giorni. La pastorizzazione è sufficiente per uccidere gli agenti patogeni, mentre sopravvivono alcuni batteri lattici che però non possono svilupparsi in condizioni di refrigerazione entro il termine di scadenza; il vantaggio della pastorizzazione è che viene ridotto al minimo il danno termico subito dalle componenti del latte, pur garantendo la sicurezza dal punto di vista igienico.

il latte pastorizzato si suddivide a sua volta in:

  • latte fresco pastorizzato: latte pastorizzato entro 48 ore dalla mungitura e con una durata di 6 giorni dopo il confezionamento, in ambiente refrigerato;

  • latte fresco pastorizzato di alta qualità: in aggiunta alla rapida pastorizzazione dopo mungitura, deve contenere almeno il 3,2% di proteine totali, di cui almeno il 15,,5% devono essere sieroproteine solubili non denaturate, e provenire da allevamenti certificati per l’alta qualità. L’Italia, che vanta una lunga tradizione casearia di alto livello, è l’unico stato ad avere questa tipologia di latte.

  • latte microfiltrato pastorizzato: prima della pastorizzazione, il latte crudo viene filtrato attraverso membrane con fori molto piccoli in grado di trattenere già gran parte dei microrganismi. Il latte pastorizzato a temperatura elevata  è, come dice il termine, un latte trattato a temperature superiori ai 72°C ed ha una durata superiore ai 6 giorni dal confezionamento.


Il latte crudo e quello pastorizzato devono essere conservati, anche da chiusi, a una temperatura di 4°C, quindi in frigorifero.

 

Il trattamento ad alta temperatura (UHT: ultra high temperature)prevede che il latte venga trattato a una temperatura di almeno 135°Cper pochi secondi; in questo modo la componente microbica non solo viene inattivata, come nella pastorizzazione, ma anche uccisa. Il latte viene poi confezionato in condizioni asettiche e può quindi essere tranquillamente conservato a temperatura ambiente per molte settimane

(fino a tre mesi dalla data di produzione) e fino all’apertura; è il latte che comunemente chiamiamo “a lunga conservazione”.

Anche il latte sottoposto a trattamento UHT preserva la maggior parte dei nutrienti; è vero che viene scaldato a temperature molto alte, ma solo per pochi secondi che sono sufficienti ad uccidere i microrganismi ma che non hanno un eccessivo impatto sulle proprietà nutrizionali del prodotto.

Dal punto di vista nutrizionale, c’è differenza tra latte fresco e latte a lunga conservazione?


Dal punto di vista nutrizionale, non vi è in realtà una sostanziale differenza; la scelta se consumare latte fresco pastorizzato o a lunga conservazione è dettata più dal gusto e da considerazioni pratiche. Il latte fresco ha generalmente un sapore più buono, tuttavia, chi non ha possibilità di comprare il latte con regolarità può tranquillamente orientarsi nel consumo di quello a lunga conservazione. Scegliamo senza paura il tipo di latte che più ci piace. Parmalat ti offre l’alternativa che più soddisfa le tue esigenze e  i tuoi gusti.

Fonte: Il latte. Sì o no? Cosa dice la scienza.
Fondazione Umberto Veronesi