Condividi

Parmalat - logo

Frutto della passione: cos’è, come si usa e quali sono i benefici

Conosci il frutto della passione? L'hai mai assaggiato? Lo sapevi che è ricco di proprietà nutritive? Vediamo insieme alcune informazioni riguardo a questo buonissimo frutto.


Il frutto della passione


Il frutto della passione (conosciuto anche come maracuja o granadilla) è il frutto della vite Passiflora, un tipo di fiore della passione (piante della famiglia delle Passifloraceae).

La pianta rampicante è una specie di vite originaria del Sudamerica, in particolare del Brasile, del Paraguay e dell'Argentina. Il frutto prende il nome dal suo fiore che proviene da una delle cento specie del fiore della passione.


Il frutto della passione è un tipo di bacca profumata che, dopo la maturazione, assume una forma ovale e agrodolce, dalla crosta esterna dura (una buccia violacea) e un centro succosoricco di aroma e semi circondato da una membrana gialla. Esistono diverse varietà di questo frutto esotico: il colore varia dal viola, al giallo e dorato, ma ne esistono anche di ibridi come la varietà chiamata Kavery. Essendo una pianta tropicale, per una migliore coltivazione, essa ha bisogno di un terreno o un giardino ben drenato con un'alta quantità di humus e pH neutro per crescere. Pertanto, è coltivata commercialmente nelle colline del Nilgiri, aree nord-orientali come Manipur, Mizoram e Meghalaya in India.


Sebbene sia una pianta tropicale, alcune sue varietà possono sopravvivere anche in climi subtropicali. Per questo motivo, sono coltivati in tutto il mondo, anche in Asia, Europa, Australia e Sud e Nord America. In Brasile è chiamato maracuja ed è conosciuto con questo nome anche in altri parti del mondo.


Proprietà e benefici del frutto della passione


Il frutto della passione è una buona fonte di nutrienti, in particolare fibre, sali minerali e vitamine. Un singolo frutto della passione viola contiene:



  • Calorie: 17

  • Fibra: 2 grammi

  • Vitamina C

  • Vitamina A

  • Ferro

  • Potassio

  • Magnesio

  • Fosforo


Forse questo non ti sembrerà molto, ma tieni in considerazione che questo è l’apporto energetico di un singolo frutto di sole 17 calorie. Infatti, il frutto della passione è composto per circa il 73% di acqua e per la restante percentuale dai sali minerali sopracitati.


Considerando la proporzione, puoi quindi capire quanto esso sia una ricchissima fonte di fibre, oltre a contenere circa il 10% del fabbisogno giornaliero di vitamine A e C. È anche ricco di composti vegetali benefici, inclusi carotenoidi e polifenoli. In effetti, uno studio ha scoperto che il frutto della passione era più ricco di polifenoli rispetto a molti altri frutti tropicali, tra cui banana, mango, papaya e ananas. Inoltre, il frutto della passione offre una piccola quantità di ferro.


In quanto ricco di vitamina C, il frutto della passione è anche ricco di antiossidanti, i quali proteggono il sistema immunitario e il corpo dai radicali liberi, ossia molecole instabili che possono danneggiare le cellule quando sono presenti in gran numero, nonché velocizzare l’invecchiamento della pelle. Un esempio di antiossidante è il betacarotene, che il corpo converte in vitamina A, essenziale per preservare la vista.


Come specificato sopra, una porzione singola di frutto della passione fornisce circa 2 grammi di fibre. La fibra è importante per il tuo intestino e per prevenire la costipazione, ma la maggior parte delle persone non ne mangia abbastanza. In particolare, la fibra solubile aiuta a rallentare la digestione del cibo, il che può prevenire picchi di zucchero nel sangue. Le diete ricche di fibre sono anche associate a un minor rischio di malattie, tra cui malattie cardiache, diabete e obesità.


Ma... come si mangia?


Per mangiare questo frutto tropicale, devi tagliare o strappare la buccia per poter gustare polpa e semi, colorati e succosi. Anche i semi sono commestibili, quindi puoi mangiarli insieme alla polpa e al succo del frutto.


La membrana bianca che separa polpa e buccia è pure commestibile, ha un gusto e sapore estremamente acidulo e per questo non è molto amata.


Il frutto della passione è molto versatile e può essere consumato in vari modi: molti lo apprezzano se mangiato crudo, altri no, altri ancora mangiano persino parti della buccia.


Alcuni dei modi più comuni per il suo consumo includono:



  • Bevande: può essere spremuto ed essere aggiunto ai cocktail e mocktail o usato per preparare un infuso dal profumo indistinguibile.

  • Dolci: viene spesso usato come condimento o aroma per torte e dessert come cheesecake o mousse.

  • Insalate: può essere usato per dare una consistenza croccante e un sapore dolce alle insalate.

  • Negli yogurt: mescolalo con dello yogurt naturale per fare uno spuntino delizioso.


Il frutto della passione nei drink


Come già accennato sopra, il frutto della passione, o maracuja, può essere aggiunto nelle bevande o nei cocktail. Se utilizzato per un succo, sciroppo, purea di frutta o altre bevande come , il frutto della passione aggiunge un tocco di sapore fruttato ai cocktail analcolici. La linea Santàl, ad esempio, ti propone il buonissimo succo Santál Dolce di Natura Exotic, che contiene, tra gli altri frutti, anche il buonissimo frutto della passione.


Considerate le sue proprietà altamente benefiche, il frutto della passione è anche utilizzato per frullati e smoothie. Visto il gusto dolce del frutto, esso si sposa alla perfezione con un sapore agrumato come quello dell’arancia e del lime ed è simile al gusto della papaia. Per dare un maggiore tocco di fresco a questo smoothie puoi anche aggiungerci una fogliolina di menta.


Per la sua consistenza gelatinosa, in cucina il frutto della passione viene utilizzato anche nella preparazione di marmellate e altri alimenti e dessert; gli zuccheri di questo frutto sono utilizzati per la produzione di gelati, sorbetti, succhi di frutta, mentre il liquido della polpa viene utilizzato per creme corpo, dati i benefici che può dare anche alla pelle.


Oltretutto, infine, come si può intuire dal nome, il frutto della passione ha anche proprietà afrodisiache.


prossimo articolo

La lattoferrina

LEGGI