Condividi

Namelaka al caffè - Parmalat

preparazione
Preparazione: 10 min + 10 ore di riposo in frigo

Difficoltà
Facile

Cioccolato bianco 220 gr

Latte Zymil Alto Pastorizzato Buono Digeribile 125 ml

Panna Fresca senza Lattosio Chef 250 ml

Caffè solubile 10 gr

Miele 10 gr

Colla di pesce 4 gr

Vedi tutti gli ingredienti

preparazione
Preparazione: 10 min + 10 ore di riposo in frigo

Difficoltà
Facile

ingredienti

Cioccolato bianco 220 gr

Latte Zymil Alto Pastorizzato Buono Digeribile 125 ml

Panna Fresca senza Lattosio Chef 250 ml

Caffè solubile 10 gr

Miele 10 gr

Colla di pesce 4 gr

Vedi tutti gli ingredienti

Ricetta facile e veloce, la crema namelaka al caffè è un’ottima ganache cremosa spalmabile che conosce veramente molti utilizzi, dalla farcitura di bignè, biscotti e altri pasticcini alla preparazione di crostate, torte e dolci come per esempio un delizioso tiramisù al pistacchio. La preparazione è immediata, quasi banale, ma il risultato supererà le aspettative. Velocissima e facile da preparare è veramente alla portata di tutti. La crema Namelaka è estremamente delicata e lascia senza parole chi ha il piacere di assaggiarla. Questa crema ha una struttura perfetta: né troppo morbida, né troppo legata e con un aspetto estremamente lucido.

La crema namelaka è un delizioso composto soffice e spumoso, perfetto per le occasioni speciali.

Questa ricetta così semplice, non solo è infatti l’ideale per chi non riesce a digerire questo zucchero ma essendo priva di farine è l’ideale per gli intolleranti al glutine ed è un dessert adatto anche alle diete più equilibrate e sane perché senza zucchero. La ricetta che vi abbiamo proposto prevede l’utilizzo di miele e colla di pesce, tuttavia entrambi questi ingredienti possono essere sostituiti rispettivamente con dello zucchero e della gelatina strizzata e aromatizzare la vostra crema utilizzando un baccello di vaniglia.

La ricetta che vi proponiamo prevede di preparare questa crea con il Latte Zymil UHT Buono Digeribile, un latte pensato per il benessere quotidiano e l’equilibrio anche di chi è purtroppo intollerante al lattosio: povero di calorie questa bevanda costituisce inoltre una valida alternativa anche per tutti coloro che amano la buona cucina ma desiderano un’alimentazione più light, per non alzarsi da tavola appesantiti ma soddisfatti.


Preparazione

Preparazione: 10 min + 10 ore di riposo in frigo
totali

Per una buona namelaka al caffè scaldate in un tegame la colla di pesce con il latte e il miele. In una ciotola a parte fate sciogliere il cioccolato bianco in microonde o a bagnomaria come preferite. Mescolate per bene con una frusta.

Unite il cioccolato bianco al latte, continuando a mescolare e versate nel tegame la panna fresca liquida e il caffè solubile (o caffè liofilizzato). Fate attenzione che non si formino grumi e che la crema risulti bella omogenea. Spegnete il fuoco lasciate freddare, ricoprite con un della pellicola trasparente e mettete la crema a cristallizzare in frigorifero fino al giorno successivo o per un minimo di 10 ore.

Adesso la vostra crema al caffè è pronta: la cristallizzazione in frigo infatti permetterà alla crema di solidificarsi solo leggermente e diventare più compatta. La crema namelaka è perfetta per farcire bignè e dolci vari.

Curiosità

La leggenda più conosciuta narra che un pastore scoprì le proprietà stimolanti del caffè dopo aver scoperto che le sue capre erano più vivaci quando mangiavano i piccoli frutti di bosco. Addomesticato nello Yemen, il caffè si è diffuso in tutto il mondo arabo, grazie ai sufi, ritenuti capaci di apprezzarne gli entusiasmanti effetti. La bevanda li ha tenuti svegli durante le lunghe ore di pratica. Si ritiene che sia stato uno sceicco sufi a pensare per primo di tostare i fagioli prima di bollirli. Fino ad allora, il chicco verde veniva usato per fare il caffè.

Con il divieto dell'alcol, il caffè diventerà la bevanda preferita dagli arabi. Per più di due secoli gli arabi hanno mantenuto l'esclusività della sua coltivazione e del suo commercio, facendo bollire o essiccare i fagioli al sole per uccidere il germe. Prima del XVI secolo, nessun albero di caffè cresceva al di fuori di questa parte del mondo.

Poi, viaggiatori spericolati sono riusciti a portare via dallo Yemen qualche fagiolo fertile e a seminarlo in terra straniera. Così sarà introdotto in Europa nel XVI secolo e in America all'inizio del XVII secolo. Insieme a tè, cioccolato e mate, il caffè è una delle bevande più consumate al mondo. E come loro, la sua storia è legata a imperi, guerre e rivoluzioni.

Già nel 1511 le autorità della Mecca iniziarono a bruciare sacchi di caffè nelle strade della città per protestare contro la popolarità dei caffè nelle grandi città come Il Cairo, Istanbul, Damasco e Algeri, luoghi, si diceva, di dissolutezza e intrighi politici. Nel 1600 i sacerdoti italiani cercarono di farla bandire da papa Clemente VIII perché era la bevanda degli infedeli. Tuttavia, dopo averne preso una tazza, il papa ha dichiarato di amarla.

Per contrastare le obiezioni dei sacerdoti, si è impegnato ad amministrare il sacramento del battesimo nel caffè per legalizzarlo. A Londra, nel 1674, le donne firmarono una petizione per vietare il caffè sostenendo che questo teneva lontano i loro mariti e che preferivano stare nei locali dove veniva servito piuttosto che a casa. Hanno anche sostenuto che ciò ha diminuito il loro zelo virile. Un anno dopo, il re Carlo II volle chiudere i caffè perché erano luoghi in cui si fomentava la rivoluzione. Ma la reazione del pubblico fu tale che dovette abbandonare rapidamente il suo piano. In Germania volevano vietarlo alle donne, sostenendo che lo rendeva sterile, il che ha spinto Johann Sebastian Bach a scrivere una cantata che si prendeva gioco delle autorità tedesche.

In Prussia, il re Federico il Grande volle vietarla nel 1775, perché dannosa per il commercio della birra prodotta nel paese. Negli Stati Uniti, ha sostituito il tè dopo il Boston Tea Party, dove, sopraffatti dalle tasse eccessive imposte sul tè dagli inglesi, gli abitanti di Boston hanno gettato in acqua i carichi di tè delle navi inglesi ancorate nel porto.


al bar

Con Zymil ti senti al 100%...
Anche al bar!


Scopri di più

al bar

Con Zymil ti senti al 100%...
Anche al bar!

Scopri di più