Condividi

Pane ai semi di lino - Parmalat

preparazione
Preparazione: 20 min + 3 ore di lievitazione Cottura: 35 min

Difficoltà
Facile

Farina di Kamut 500 gr

Latte Zymil Alto Pastorizzato Bio Buono Digeribile 500 ml

lievito di birra 15 gr

Margarina 100 gr

Semi di lino 200 gr

Miele 1 cucchiaino

Vedi tutti gli ingredienti
Latte Zymil UHT Bio Buono Digeribile

Zymil, la linea di prodotti senza lattosio* ad alt...

Scopri il prodotto   Acquista ora
Latte Zymil UHT Bio Buono Digeribile

preparazione
Preparazione: 20 min + 3 ore di lievitazione Cottura: 35 min

Difficoltà
Facile

ingredienti

Farina di Kamut 500 gr

Latte Zymil Alto Pastorizzato Bio Buono Digeribile 500 ml

lievito di birra 15 gr

Margarina 100 gr

Semi di lino 200 gr

Miele 1 cucchiaino

Vedi tutti gli ingredienti
Latte Zymil UHT Bio Buono Digeribile

Zymil, la linea di prodotti senza lattosio* ad alt...

Scopri il prodotto
Acquista ora
Latte Zymil UHT Bio Buono Digeribile

Il pane ai semi di lino è pane piuttosto semplice da preparare, anche per chi inizia ora a cimentarsi nella panificazione in casa, un trend sempre più in crescita negli ultimi anni.

Generalmente preparato con la farina di Kamut, la particolarità di questo pane sta proprio nella combinazione di questa farina e i semi di lino: questo mix vincente infatti vi permette di ottenere un pane rustico davvero buonissimo.

La preparazione di questo pane risulta comunque molto versatile, potrete infatti utilizzare farine diverse fra cui diverse tipologie di farine integrali.

I maestri del pane apprezzeranno anche questa ricetta perché offre un sapore delizioso, una mollica morbida e una crosta leggermente croccante, costellata da tanti semi in superficie e all’interno della mollica, genuini e ottimi per una dieta sana e bilanciata!

Il pane ai semi di lino è l’ideale per la colazione, accompagnato con marmellate e confetture fatte in casa, per ricaricare le energie come snack pomeridiano con della deliziosa crema al cioccolato oppure servito per accompagnare i pasti: per un pranzo o per una cena insieme ai vostri ospiti o alla vostra famiglia.


Preparazione

Preparazione: 20 min + 3 ore di lievitazione Cottura: 35 min
totali

Per questo pane iniziate dal latte, che dovrà essere tiepido dove andrete a sciogliere, lievito, margarina e miele. A questo punto aggiungetelo in una ciotola poco per volta insieme alla farina setacciata e impastate con le mani fino a ottenere un composto senza grumi.

Dopo qualche minuto aggiungete il sale, un pizzico di zucchero e i semi di lino e trasferite l’impasto su un piano da lavoro infarinato. Impastate fino a ottenere una bella pagnotta compatta. Quando gli ingredienti saranno ben incorporati potete coprirlo con pellicola e lasciarlo lievitare per almeno 3 ore in forno spento con luce accesa. Vi raccomandiamo di rispettare i tempi di lievitazione per un impasto fresco e profumato.

Trascorso il tempo necessario, è ora di infornare, a questo punto però potrete decidere quale forma dare al vostro pane o se preparare piuttosto tanti piccoli panini sostanziosi. In seguito spennellate la superficie del vostro impasto con dell’olio extravergine d'oliva, per dare croccantezza all’esterno e un profumo davvero invitante e infornate a 200° per circa 35 minuti. Il vostro pane ai semi di lino è pronto: una pagnotta liscia croccante fuori ma morbido dentro, dal profumo irresistibile!

Curiosità

Da tempo immemorabile, il gambo di lino (più precisamente il periciclo) è stato utilizzato come fibra per la produzione di tessuto. Infatti, il lino coltivato è talmente antico che non si trova più in natura.

Si ritiene che derivi dal Linum perenne o dal Linum angustifolium. Già gli antichi Egizi lo coltivavano e ne conoscevano le fibre, le qualità nutrizionali e le virtù medicinali. Plinio il Vecchio ha menzionato trenta rimedi a base di semi di lino. Questi fanno ancora parte della farmacopea ufficiale cinese (costipazione e pelle secca) e ayurvedica (foruncolo e antrace in applicazione esterna), così come la medicina veterinaria classica per lenire le irritazioni delle mucose infiammate.

In Europa, all'inizio del XX secolo, l'olio di lino veniva consegnato settimanalmente in piccoli contenitori di vetro, perché si sapeva che una volta esposto alla luce e all'aria, l'olio di lino diventava rapidamente rancido. Tuttavia, già negli anni Venti, l'industrializzazione della produzione petrolifera ha segnato la fine delle piccole presse locali che fornivano olio fresco e non raffinato. Dopo la Seconda guerra mondiale, l'olio di lino scomparve dal mercato, in quanto l'industria lo considerava troppo instabile per essere redditizio.

Nell'ultimo decennio circa, tuttavia, l'olio di lino non raffinato spremuto a freddo ha riacquistato la sua reputazione, prima nei negozi di alimenti sani e poi in alcuni negozi di alimentari, nella sezione refrigerata. Diversi importanti produttori di uova hanno aggiunto semi di lino al mangime delle loro galline da qualche anno e commercializzano uova arricchite con acidi grassi Omega-3.

Molti prodotti da forno (pane, tortillas, torte, dolci e simili) e cereali da colazione contengono quantità variabili di semi di lino. Il Canada è il più grande produttore ed esportatore mondiale di semi di lino, con un raccolto annuale di oltre un milione di tonnellate.


al bar

Con Zymil ti senti al 100%...
Anche al bar!


Scopri di più

al bar

Con Zymil ti senti al 100%...
Anche al bar!

Scopri di più

Potrebbero interessarti anche...