Condividi

Pasticciotto - Parmalat

preparazione
Preparazione: 40 min Cottura: 25 min

Difficoltà
Media

Farina di tipo 1 300 gr

Latte UHT Zymil Buono digeribile senza lattosio 400 ml

zucchero di canna 195 gr

Olio di semi di girasole 100 ml

Uova 2

Tuorli 7

Vedi tutti gli ingredienti

preparazione
Preparazione: 40 min Cottura: 25 min

Difficoltà
Media

ingredienti

Farina di tipo 1 300 gr

Latte UHT Zymil Buono digeribile senza lattosio 400 ml

zucchero di canna 195 gr

Olio di semi di girasole 100 ml

Uova 2

Tuorli 7

Vedi tutti gli ingredienti

Avete una passione per i dolci della tradizione? Allora dovete assolutamente provare il pasticciotto.

Semplice ma molto goloso, il pasticciotto leccese, o pasticciotto salentino, è un dolce tipico della Puglia, in particolare della zona salentina.

Si tratta di un dolce di pasticceria artigianale nato quasi per caso dall'estro di un pasticcere della provincia di Lecce: un guscio ovale di fragrante pasta frolla, che racchiude un ripieno di buonissima crema pasticcera. Ideale da gustare tiepido a colazione. Ottimo da mangiare a merenda per concedersi una pausa golosa, il pasticciotto è considerato il dolce salentino per eccellenza.

Del pasticciotto dolce ne esistono diverse versioni. Una, molto golosa, prevede l'aggiunta di amarene al ripieno.

Noi vi proponiamo la ricetta del pasticciotto ripieno con crema pasticcera e amarene sciroppate, che potrete preparare ogni volta che volete regalarvi un momento di dolcezza.

Per realizzarlo, non dovrete fare altro che preparare una bella pasta frolla e poi, utilizzando i caratteristici stampini dalla forma ovale, creare dei golosi pasticciotti, che potrete farcire con una crema pasticcera aromatizzata al limone e alla vaniglia.

Avete già l'acquolina in bocca e non vedete l'ora di gustare un caldo e fragrante pasticciotto? Scoprite subito come preparare questo dolce della tradizione salentina.


Preparazione

Preparazione: 40 min Cottura: 25 min
totali

Iniziate la preparazione del vostro pasticciotto leccese realizzando la crema pasticcera. Mettete sul fuoco il Latte Zymil insieme alla scorza di limone e radunate i tuorli di 6 uova in una ciotola, mescolandoli insieme a 120 gr di zucchero di canna. Quando lo zucchero si sarà amalgamato ai tuorli, unite anche la maizena, l'estratto di vaniglia e, infine, il latte caldo a filo, dal quale avrete tolto la scorza di limone.

Mescolate bene con la frusta, quindi riportate il composto sul fuoco e continuate a mescolarlo fino a che non si sarà addensato.

A questo punto, trasferite la crema pasticcera in una ciotola, copritela con della pellicola e lasciatela raffreddare.

Mentre la crema pasticcera si raffredda, preparate la pasta frolla.

Rompete 2 uova in una ciotola, aggiungete 75 gr di zucchero e iniziate a mescolare.

Sempre mescolando, unite, versandolo a filo, l’olio di semi di girasole e il lievito vanigliato. Dopodiché aggiungete, poca alla volta, anche la farina. Quando l’impasto inizia a diventare compatto, trasferitelo sulla spianatoia e lavoratelo con le mani fino a quando non assumerà una consistenza elastica, liscia e omogenea.

Quando la crema pasticcera si sarà raffreddata, stendete la pasta frolla sulla spianatoia infarinata, lasciandola spessa circa 1/2 cm, e foderate il fondo e i bordi degli stampini di forma ovale. Ricordate di tenere da parte la pasta frolla sufficiente a realizzare la copertura dei pasticciotti.

Riempite ciascun pasticciotto con 2 cucchiaini di crema pasticcera e un'amarena sciroppata, poi ricopriteli con uno strato di pasta frolla, avendo cura di eliminare l'eccesso.

Una volta che avrete preparato tutti i pasticciotti, preriscaldate il forno in modalità statica a 180°, spennellateli con un mix di latte e tuorlo d'uovo e cuoceteli per almeno 25 minuti.

Quando saranno cotti, sfornate i pasticciotti leccesi e lasciateli intiepidire prima di gustarli.

Curiosità

Quella del pasticciotto leccese è una ricetta molto antica, risalente alla prima metà del Settecento. È, infatti, nel 1745, a Galatina, in provincia di Lecce, che nacque il primo pasticciotto.

Il proprietario di una rinomata pasticceria del luogo, durante la festa del Santo Patrono, si ritrovò ad avere tra le mani moltissimi avanzi di pasta frolla che decise di utilizzare per realizzare dei golosi dolcetti ripieni di crema pasticcera, che presero il nome di pasticciotti.

Questi dolcetti erano talmente buoni che, ben presto, divennero famosi in tutta la provincia e, con il passare degli anni, diventarono uno dei dolci pugliesi più famosi in assoluto.

I pasticciotti non sono l'unico dolce pugliese che si prepara con la pasta frolla. Tra gli altri dolci interessanti e golosi che provengono da questa terra, ideali da gustare alla fine del pasto, ci sono i bocconotti. Contese tra Puglia, Abruzzo e Calabria, queste prelibatezze la cui forma ricorda dei piccoli soli, vengono farcite con un delizioso ripieno alla mandorla.


al bar

Con Zymil ti senti al 100%...
Anche al bar!


Scopri di più

al bar

Con Zymil ti senti al 100%...
Anche al bar!

Scopri di più