Condividi

Parmalat - logo

Frullati, frappè, centrifugati e smoothies: tutte le differenze

Le bevandealla frutta sono alimenti molto consumati nelle stagioni calde grazie alle loro proprietà rinfrescanti ed energizzanti. Sono pratici e veloci e se ne possono realizzare di diversi gusti, unendo anche frutta, verdura e spezie.


La scelta degli ingredienti è fondamentale, così come la modalità di preparazione. Si può scegliere tra una grande varietà a seconda delle esigenze: frullati, frappè, centrifugati e smoothies.


Per la grande quantità di fibre, vitamine e sali minerali che contengono, sono tutti indicati, sia che siano utilizzati per dimagrire che per ricaricarvi dopo aver fatto del movimento all’aria aperta! Sbizzarritevi con la vostra fantasia.


La bontà dei beveroni alla frutta


I beveroni alla frutta, facili e veloci da preparare, sono uno dei vostri migliori alleati nelle diete dimagranti, ma non solo: la frutta è ricca di vitamine antiossidanti, che contrastano i radicali liberi, sostanze reattive che possono deteriorare le cellule e i tessuti accelerando il processo di invecchiamento, e di sali minerali, come il potassio, il magnesio, il calcio e lo zinco.


Possono essere una valida alternativa alla vostra merenda o colazione, unendovi anche dei cereali, oppure dopo aver praticato sport, poiché sono rinfrescanti ed energetici.


Consumare la frutta quindi è una buona abitudine che ha ottimi effetti sulla salute e sull’organismo.


Si possono preparare tantissimi tipi di beveroni alla frutta. Vi consigliamo di utilizzare sempre frutta fresca e distagione e, se avete a disposizione della frutta biologica, potete non sprecare nemmeno la buccia, carica di sostanze nutritive.


Un consiglio per chi vuole inserirli nella propria dieta: i frutti ideali per realizzare i vostri beveroni sono le fragole, le banane, l’ananas, il melone e il limone.


Potrete aggiungere anche della verdura, come prezzemolo, basilico, carote, sedano, cetriolo e persino il pomodoro, per dare colore e sapore alla vostra bevanda.


Frullato e frappè: quali sono le differenze?


Per le proprietà rinfrescanti della frutta, i frullati e i frappè sono alimenti molto consumati durante il periodo estivo e si rivelano un’ottima alternativa al semplice gelato o a una merenda anche in altri periodi dell’anno.


Sia frullati che frappè sono realizzati con la frutta. La distinzione tra i due si trova essenzialmente nella modalità di preparazione.


Il frullato si prepara con della frutta fresca, che viene appunto frullata, e del latte. Spesso si aggiungere del miele o dello zucchero per renderlo ancora più dolce. Il latte, con il suo apporto di proteine e grassi, contribuisce a rendere il frullato più nutriente e sostanzioso, e se avete un'intolleranza al lattosio potrete usare il Latte Zymil, ad alta digeribilità. I gusti possono essere tantissimi e dai colori vivaci: limone e zenzero, mandorle e cocco, ai mirtilli e molti altri ancora.


Il frappè è come il frullato ma al posto del latte, o in aggiunta a questo, viene utilizzato del ghiaccio tritato o più semplicemente del gelato. Il termine frappè, di origine francese, significa proprio “colpito dal freddo”, proprio perché il ghiaccio ne diminuisce istantaneamente la temperatura.


A differenza dei frullati, i frappè utilizzano spesso nelle ricette dei liquori, menta e persino caffè al posto della frutta.


La sostituzione del ghiaccio con il gelato alza in buona misura il contenuto calorico e, dato che spesso vengono accompagnati con altri alimenti, come i biscotti, possono essere considerati dei veri e propri dolci e non delle semplici bevande dissetanti. Anche in questo caso, se pensate di realizzare in casa il vostro frappè, potete scegliere il vostro gusto preferito del Gelato Zymil Carte d'Or.


Una variante del frappè è il milkshake. Un frappè ipocalorico fatto con cioccolato, gelato e panna con l’aggiunta di granella di nocciole e molto spesso preparato con sciroppi di frutta.


Cosa sono gli smoothies?


Gli smoothies sono la variante americana, che ha preso piede e ha riscosso molto successo anche in Italia, dei nostri frullati. “Smoothie” è un termine coniato negli anni Sessanta e significa appunto un qualcosa di leggero. La consistenza di questa bevanda, infatti, è abbastanza densa e spumosa e la presenza del ghiaccio ne garantisce la freschezza.


In che modo gli smoothies si differenziano sia dai frullati che dai frappè? La risposta è molto semplice: queste bevande eliminano il latte e il gelato. Per diluirlo sostituiscono questi due ingredienti con dello yogurt magro e talvolta del latte vegetale nelle sue varianti principali, cioè il latte di soia, di riso e di mandorla. Fino a non molto tempo fa invece veniva utilizzato il latte in polvere e aromatizzato.


In alcuni casi, sono composti solo da un mix di frutta e talvolta di verdure, a cui viene aggiunta solo acqua e ghiaccio. I gusti sono i più svariati: fragola, pistacchio, pompelmo e così via, da poter aromatizzare con varie spezie, tra cui la menta, la cannella e lo zenzero.


Se volete provare a fare degli smoothies assicuratevi che siano completi e bilanciati. Dovranno avere le giuste quantità di carboidrati, proteine, grassi, minerali e principi attivi. Per questo motivo non potranno mancare tra i vostri ingredienti un mix di verdure e frutta, dello yogurt greco come lo Yogurt Zymil alla Greca Bianco, un cucchiaio di burro di mandorle, nocciole o pistacchi e un tocco di spezie ed erbe aromatiche che daranno gusto e vitamine in più.


A Hollywood ci sono dei bar dedicati soltanto a questo prodotto, i cosiddetti “smoothies bar”, che vendono questi beveroni in bottigliette da asporto o in grandi bicchieri di cartone. Le star ne vanno matte.


Un bicchiere di smoothies è equivalente a una delle cinque porzioni di frutta e verdura che i nutrizionisti consigliano di consumare durante la giornata. A seconda degli ingredienti utilizzati, possono contenere fino a 350 chilocalorie, quindi è bene fare attenzione a quando vengono consumati.


Estratti e centrifugati


I centrifugati sono l’estrazione pura e a freddo dei succhi dalla frutta o dalla verdura e non si preparano con il frullatore ma con un altro strumento. Rappresentano il modo più naturale di consumare il succo estratto dalla frutta o dalla verdura cruda: mantengono un’alta concentrazione di tutti le sostanze nutritive e perciò risultano ricchi di vitamine e minerali.


Sono molto facili da preparare. Dovrete inserire gli ingredienti scelti all’interno di una centrifugao di un estrattore e aggiungere eventualmente dell’acqua.


Dato che si deteriorano velocemente, è sempre meglio prepararli quando volete consumarli subito per evitare così che perdano i propri principi nutritivi. A preparazione ultimata, possono essere aggiunti anche dei cubetti di ghiaccio o dell’acqua fresca per rendere il beverone più rinfrescante e dissetante.


Un altro vantaggio dei centrifugati e degli estratti è che oltre a mantenere tutte le proprietà di frutta e verdura, permettono anche un assorbimento più rapido da parte dell’organismo. Questo però non deve indurci a pensare di mescolare molti ingredienti. La digestione, infatti, ne risulterà eccessivamente appesantita e l’organismo non sarà in grado di assumere tutte le varie sostanze. Limitarsi a due o tre tipi di verdure e due frutti sarà la giusta quantità.


Se la frutta e la verdura sono biologiche possono essere centrifugate anche con la buccia, mentre in caso contrario sarà bene eliminarla per evitare che sostanze dannose possano andare a finire nel succo.


Come combinare i frutti


L’accostamento di frutti differenti può dar vita non solo ad abbinamenti colorati e da un sapore unico, ma anche ad abbinamenti che siano di aiuto al benessere del vostro corpo in ogni occasione.


Per recuperare l’energia persa durante la giornata e rafforzare il sistema immunitario, sono ottimi i frullati di mele, banane e zenzero. Sono ricostituenti durante i cambi di stagione e, soprattutto, nei periodi di stress. In quest’ultimo caso sono indicati anche dei centrifugati di verdure con cavolo, sedano, cetriolo e zenzero che aiutano a rigenerarsi e liberarsi dalla fatica.


Un beverone fresco di ananas, mele, finocchi, carote e sedano è l’ideale per disintossicare e drenare l’organismo. Questo perché fornisce all’organismo un grande apporto di liquidi e integra i sali minerali. L’ananas è molto indicato per coloro che vogliono perdere peso o semplicemente mantenere la linea.


L’abbinamento carote, pomodori e limone aiuta a mantenere la pelle giovane e fresca poiché contengono sostanze in grado di garantire il ricambio delle cellule.


Per chi invece desidera perdere peso sono molto adatti i succhi verdi che stimolano il metabolismo. Una centrifuga di mela verde ne è un ottimo esempio, a cui poter aggiungere anche qualche verdura come spinaci, cetrioli e sedano. Per bloccare la fame invece è da provare un mix di succo di pompelmo con un frullato di avocado e papaia.


Proprietà antiossidanti sono invece racchiuse nei beveroni di uva, mela e melograno, grazie agli altri contenuti di polifenoli e vitamina C. Anche i frullati alle fragole, con un alto potere antiossidante, sono particolarmente consigliati poiché molto ricchi di vitamine, sali minerali e ferro. Risultano perciò molto indicati per combattere le rughe e la cellulite.


Un abbinamento molto buono e che aiuta a mantenere una linea perfetta è il frullato di fragole e banane. Il sapore acido della fragola, dovuto alla presenza della vitamina C, e la dolcezza della banana si combinano per dare un gusto nuovo ed equilibrato.


prossimo articolo

Come servire la frutta in modo originale

LEGGI