Condividi

Parmalat - logo

Le qualità del latte vaccino

Anche il neonato appena dopo lo svezzamento beve latte vaccino segno che l'uomo è l'unico mammifero al mondo che berrà latte per tutta la sua esistenza.


Thumbnail fresco 1


Madre natura ha fatto le cose sapientemente ed ha dotato gli animali di ghiandole mammarie per poter nutrire i propri cuccioli appena dopo la nascita. Il latte vaccino è uno di quegli alimenti che viene fatto assumere ai neonati dopo che la genitrice non produce più latte materno poiché è un alimento completo con un contenuto

proteico molto alto che apporta la giusta energia al bambino e gli permette di continuare la sua esistenza in associazione con altri elementi necessari alla crescita. Fortunatamente i bambini si alimentano sufficientemente con il latte vaccino perché se così non fosse, si potrebbe verificare una riduzione di 'Lattasi' che è l'enzima che permette di digerire il lattosio contenuto nel latte vaccino. La patologia che viene definita 'Lattasi insufficienza', potrebbe essere la principale causa dell'intolleranza al lattosio di cui molte persone soffrono da adulte.

Se riflettiamo ci rendiamo conto che nessun mammifero una volta diventato adulto continua a nutrirsi con il latte tranne l'uomo che lo assume per il resto della sua vita naturalmente non come alimento principale ma consumando i latticini e lo stesso latte liquido oppure in preparazioni realizzate con esso come dolci, le creme pasticcere e via di seguito.


Il latte vaccino: un toccasana per le ossa


Da secoli si dice che il latte vaccino faccia bene alle ossa poiché ricco di calcio specialmente per quanto riguarda i formaggi tipo parmigiano o grana. Lo dicevano gli antichi, le nostre nonne e anche le nostre mamme. Insomma, si è sempre detto che è un alimento completo che previene future 'osteoporosi' ma la realtà secondo i ricercatori è leggermente diver

sa. Se è vero che il latte contiene un'eccellente quantità di calcio oltre ad un'altra vasta gamma di elementiCalcium_plus_thumbnail benefici è anche vero che durante la nostra esistenza si effettuano diete poco equilibrate con sbilanciamento di proteine e questa incongruenza porta inevitabilmente una sorta di perdita del calcio accumulato nell'organismo a discapito delle ossa.Questa tesi sembra essere confermata dallo scarso consumo di latte in quei paesi sottosviluppati dove l'alimentazione con questa preziosa bevanda è davvero limitata e la popolazione non soffre di malattie come l'osteoporosi o simili patologie mentre nei paesi occidentali, l'incidenza di queste malattie è significativa.

I ricercatori hanno appurato che questa specie di 'sequestro' di calcio dall'organismo umano è dato dall'assimilazione sbilanciata di proteine animali provenienti da carne e pesce. Questa teoria in ambito bio-medico è verificabile su 'PubMed', una delle librerie più fornite.

La dieta andrebbe quindi effettuata sempre in maniera equilibrata cercando di evitare 'dispersioni' inutili. Nonostante sul fronte medico questa notizia perdura, il latte vaccino non perde assolutamente credibilità e il latte ed i suoi derivati continuano ad essere gli alimenti più consumati a qualsiasi età ma per evitare inutili perdite, sarebbe preferibile condurre una vita sana e corretta con uno stile impeccabile anche per quanto riguarda l'alimentazione che è il primo passo per evitare patologie serie come l'osteoporosi.


Il latte vaccino: fonte inesauribile di fermenti lattici vivi


I fermenti lattici vivi si trovano nel latte vaccino e nei suoi derivati quali yogurt e formaggi. Sono elementi di basilare importanza per l'organismo umano perché aiutano fin dalla nascita nello sviluppo di un individuo ma hanno anche la capacità di ripristinare la flora batterica, di prevenire fastidiose infezioni intestinali e di aiutare l'organismo dopo influenze o malattie in genere specialmente dopo l'assunzione di antibiotici che debilitano l'organismo. I fermenti lattici infatti, rafforzano le difese immunitarie perché permettono al fisico umano di produrre immunoglobuline anche perché sovente non si segue una dieta equilibrata ed il ricorso ai fermenti lattici vivi è fondamentale visto che contengono 'alcalinizzanti'. È preferibile non associare cibi troppo proteici con i fermenti lattici altrimenti perderebbero le loro virtù straordinarie e questa teoria, avvalora l'opinione degli studiosi citata precedentemente.


Brucia i grassi con il latte


Tutti gli alimenti se non assunti equilibratamente fanno ingrassare, latte vaccino compreso. E' bene sapweight-watchersere che un bicchiere di latte contiene 130 Kcal che per una dieta di un adulto sono più che sufficienti. Il discorso non vale per i bambini che possono bere latte anche quattro volte al giorno e in tutte le sue forme ossia purè, dolci, yogurt, sformati e quant'altro. Per loro il latte è necessario per lo sviluppo e può essere sostituito da tanti inutili piccoli pasti che contribuiscono soltanto all'obesità infantile. Una ricerca Americana che arriva dall'Università di San Diego' afferma che un bicchiere di latte vaccino in più al giorno, faccia dimagrire perché secondo i ricercatori, il latte aiuta a bruciare tutti i grassi in eccesso.

Nell'alimentazione il latte vaccino è di estrema importanza poiché una dieta povera di questo elemento e dei suoi derivati porterebbe ad una riduzione della densità delle ossa quindi, la mancanza completa di latte è veramente deleteria specie in determinate situazioni come la gravidanza. In questo caso, i ginecologi raccomandano alla gestante di bere più bicchieri di latte al giorno in modo da apportare calcio al feto. Lo stesso vale nella delicata fase dell'allattamento perché se la mamma beve latte vaccino, indirettamente anche il neonato viene fornito del calcio necessario al suo sviluppo.


A chi fa bene il latte vaccino


Grazie alle sue proprietà e alle alla sua composizione, il latte di mucca risulta quindi un alimento completo, consigliato per la salute e l'alimentazione di tutti. Oltre al calcio e al potassio, importanti per gli infanti ma anche per gli anziani, il latte infatti è una scorta di sostanze fondamentali per la nutrizione, come vitamine e sali minerali, per cui è perfetto per chi ha uno stile di vita attivo e per chi pratica sport, perché attiva il metabolismo e rinforza il sistema immunitario.


Anche chi è a dieta può consumare il latte vaccino o i suoi derivati, magari preferendo i prodotti magri, con meno calorie, zucchero e acidi grassi, ma comunque ricchi di nutrienti. Chi invece è intollerante al lattosio non deve rinunciare a fare colazione con tutta la famiglia: può optare per il latte delattosato, sempre nutriente e ricco di sostanze benefiche ma facilmente digeribile. In ogni caso conviene sempre affidarsi ai consigli del medico per studiare una strategia per riprendere in modo graduale il consumo di latte.


Le alternative al latte vaccino


Fortunatamente per chi è allergico al latte vaccino, ci sono numerose alternative sul mercato alimentare tutte formulate a base di latte anche se prima di scoprire quale sia la bevanda adatta, bisogna fare numerose ricerche. Solitamente il latte vaccino viene trattato 'termicamente' ed in laboratorio si attua ' l'idrolisi parziale del latte'. Quando si parla di latte trattato termicamente, si fà riferimento ad elementi sterilizzati con un calore molto forte e questa operazione viene eseguita per circa 30 minuti. Dopo questo procedimento ne avviene un altro molto laborioso che consiste nell'ottenere 'una parziale denaturazione delle proteine del latte vaccino'. Purtroppo bisogna aggiungere che questo processo fa perdere al latte le vitamine e gli zuccheri delle caseine e sieroproteine'. Questo però è l'unico modo per poter far assumere latte alle persone che sono allergiche a questo alimento.


prossimo articolo

Latte delattosato: riscoprire il piacere di una tazza di latte

LEGGI