Condividi

Brioche col tuppo - Parmalat

preparazione
Preparazione: 1 ora + 12 ore di lievitazione Cottura: 30 min

Difficoltà
Facile

ingredienti
Per 6 persone

farina 00

farina 00 225 gr

Crema di latte

Crema di latte 250 ml

Farina manitoba

Farina manitoba 320 gr

Zucchero

Zucchero 100 gr

Uova

Uova 4

Burro

Burro 50 gr

Vedi tutti gli ingredienti

preparazione
Preparazione: 1 ora + 12 ore di lievitazione Cottura: 30 min

Difficoltà
Facile

ingredienti
Per 6 persone

farina 00

farina 00 225 gr

Crema di latte

Crema di latte 250 ml

Farina manitoba

Farina manitoba 320 gr

Zucchero

Zucchero 100 gr

Uova

Uova 4

Burro

Burro 50 gr

Vedi tutti gli ingredienti

Quando l'inverno è alle porte non si può fare a meno di guardare nostalgicamente le foto delle vacanze estive trascorse, ricordando i giorni all'insegna della spensieratezza e del buon cibo dei luoghi visitati. Tra queste vi è capitata una scattata sotto il sole della bella Sicilia, in cui gustavate con gioia una brioche col tuppo in compagnia di una delicata granita al limone o di un goloso gelato al pistacchio di Bronte. Impossibile placare l'acquolina in bocca!

Non temete, se la Sicilia è troppo lontana, qui di seguito la soluzione per voi: la ricetta delle brioche col tuppo! Nonostante la preparazione sia piuttosto lunga, proprio per le ore di lievitazione, il risultato compenserà il tempo necessario. Poi una volta avviata la lievitazione, non dovrete fare altro dare forma alle vostre brioche con la loro forma caratteristica, fatta da una pallina più grande sormontata da una più piccola. Che bontà!

Potete decidere di impastare sia a mano, come facevano un tempo, o usare una comoda planetaria, dunque questa ricetta è davvero alla portata di tutti. Pronti per realizzare queste brioche col tuppo gustosissime?

Raccogliete tutti gli ingredienti, seguite questi consigli e il gioco è fatto:


Preparazione

Preparazione: 1 ora + 12 ore di lievitazione Cottura: 30 min
totali

Per preparare le brioche con tuppo, cominciate dall'impasto. Per prima cosa sciogliete 4 gr di lievito di birra fresco in una tazzina d'acqua e mescolate fino a quando il lievito sarà sciolto. Prendete poi rispettivamente 100 gr di farina 00 e Manitoba e aggiungetegli la Chef Crema di Latte per dare all'impasto ancora più morbidezza. Impastate fino ad ottenere un panetto omogeneo. Avvolgetelo poi con della pellicola trasparente e lasciate lievitare per dieci ore in frigorifero.

Trascorso il tempo di lievitazione, ponete in una ciotola le restanti parti delle farine con l'impasto preparato precedentemente. Sciogliete il lievito di birra rimanente in un'altra tazzina d'acqua, aggiungetelo all'impasto insieme allo zucchero e lavoratelo fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungete poi 3 uova, il burro a temperatura ambiente, un pizzico di sale e continuate ad impastare.

Quando l'impasto risulta elastico, riponete in una ciotola ricoperta da canovaccio a lievitare per altre due ore a temperatura ambiente. Terminata la lievitazione, ricavate dall'impasto delle palline: 10 grandi e 10 più piccole, per ottenere la forma a tuppo. Dopodiché date forma alle vostre brioche, facendo pressione al centro della pallina più grande, poi nell'incavo ottenuto ponete la pallina più piccola. Ricordatevi di spennellare la superficie con un composto di latte e un tuorlo sbattuti, questo farà si che a fine cottura la vostra brioche prenda il tipico colore bruno. Rivestite una teglia con carta forno e cuocete a 170° per 30 minuti. Buon appetito!

Curiosità

La brioche col tuppo è senza dubbio la bandiera della Trinacria, consacrata da Andrea Camilleri nella sua opera "Gli arancini di Montalbano”.

Siete curiosi di sapere le origini della brioche col tuppo? Per prima cosa, in dialetto siciliano, come riporta Camilleri "scinnì, individuò un bar, s’assittò a un tavolino all’aperto, ordinò una granita di caffè e una brioscia" la brioche col tuppo si chiama semplicemente brioscia. Secondo la leggenda, questa prelibatezza della pasticceria dovrebbe essere nata tra delle mura aristocratiche della casa di una nobile famiglia siciliana. Da quel momento la ricetta si diffuse a macchia d'olio in tutta l'isola, sostituendo piano piano il filoncino che di solito veniva accompagnato con la granita, altra punta di diamante della cucina siciliana. Ciò che rende riconoscibile questa preparazione è senza dubbio la forma, ottenuta sovrapponendo due palline di impasto, una più grande e una più piccola, il tuppo. Il nome di quest'ultimo affonda le radici nel normanno arcaico toupin, dal termine gallico toupeau oppure dal francese toupet fino ad arrivare alla termine siciliano tuppu.

Tra le documentazioni antiche è stato ritrovato un detto siciliano in cui viene appunto riportata la parola tuppu. Questo detto racconta la storia dell'amore, reso impossibile dalle rispettive famiglie famiglie, di due giovani amanti. La donna, presa dalla disperazione, decise di tagliarsi la sua dote più cara: i capelli raccolti in uno chignon, "u tuppu". Ecco cosa dice il detto: “Cu lu tupu un t’appi, senza tuppu t’appi. Cu lu tuppu o senza tuppu , basta chi t’appi e comu t’appi t’appi”, che vuol dire "Con i capelli raccolti non ti ho avuta, senza capelli raccolti ti ho avuta. Con i capelli raccolti o senza capelli raccolti, basta che ti abbia avuta, comunque ti abbia avuta".

porta le ricette sempre con te

Scarica l'app
Chef, cosa cucino oggi?

Download

porta le ricette sempre con te

Scarica l'app
Chef, cosa cucino oggi?

Download