Condividi

Parmalat - logo

Dieta Proteica e Dieta Iperproteica

La dieta proteica e la dieta iperproteica sono regimi alimentari basati sulla prevalenza delle proteine su tutti gli altri tipi di alimenti. Quindi, in cosa consistono la dieta proteica e iperproteica?

Nonostante si tenda spesso a identificare le due diete, esistono elementi sostanziali che le differenziano in modo significativo:



  • l'alimentazione proteica prevede l'adozione di un regime dietetico a bassissimo contenuto calorico, nel quale i carboidrati vengono ridotti sensibilmente a vantaggio dei cibi proteici. In questo tipo di dieta, quindi, i carboidrati non sono del tutto assenti, ma la loro quota giornaliera costituisce una porzione irrisoria rispetto alla quantità di proteine assunte;

  • nella dieta iperproteica, invece, tutte le calorie derivanti dai carboidrati sono sostituite dall'apporto proteico: questo regime alimentare, quindi, differisce dal proteico perché elimina completamente tutti i carboidrati limitando la nutrizione alla sola assunzione di proteine, per un maggiore effetto saziante. Di conseguenza, l'alimentazione iperproteica suggerisce un apporto proteico che supera abbondantemente la dose quotidiana di proteine consigliata dagli esperti per il fabbisogno e il mantenimento dell'equilibrio fisico ottimale.


Le diete proteiche e iperproteiche presentano quindi dei rischi se non vengono seguite sotto stretto controllo e per periodi di tempo troppo estesi.


È importante conoscerne i rischi e valutare insieme a medici e nutrizionisti esperti se si è soggetti adatti a intraprendere un simile regime alimentare.


PERCHÉ NON VA BENE UNA DIETA FAI DA TE


Per funzionare in maniera efficiente, il nostro organismo ha bisogno di energie, nutrienti, proteine, e altre sostanze benefiche che mettano in moto tutti gli organi, i muscoli e le cellule del nostro corpo.


Chi vuole dimagrire tende spesso a pensare che per ottenere dei buoni risultati la soluzione più semplice ed efficace sia non mangiare o eliminare totalmente alcuni alimenti, come pane, pasta, uova o dolci, ma in realtà agendo in questo modo spesso si rischia di ottenere l'effetto contrario.


Le diete più efficaci sono infatti quelle dove si mangia poco e spesso, alternando frequenti spuntini - a metà mattina e a merenda - ai 3 pasti fondamentali della giornata, ossia colazione, pranzo e cena, e dove si pratica un'intensa attività sportiva.


Prima di ridurre la quantità di alimenti assunti, o di eliminare un particolare alimento dalla propria dieta, conviene quindi rivolgersi a degli esperti e sentire il parere del medico, per avere dei consigli e un piano operativo per perdere peso in maniera intelligente, senza creare danni al proprio organismo e senza alimentare il nostro senso di fame mangiando alimenti sani e con alto valore nutrizionale.


Piuttosto che improvvisare una dieta fai da te, per sentito dire o per aver letto qualcosa su internet, bisogna infatti partire dalla piena consapevolezza della propria situazione, perché siamo individui tutti diversi gli uni dagli altri, e non è detto che il nostro corpo necessiti la stessa dose di proteine animali, proteinevegetali,zuccheri e carboidrati che sono necessari anche agli altri.


Solo in questo modo ci prenderemo cura del nostro benessere e della nostra bellezza e sicuramente avremo meno problemi di digestione e la giusta dose di energie per affrontare ogni giorno al massimo delle nostre possibilità.


E cosa mangiare in caso di attacchi di fame? Diventa davvero fondamentale sapere cosa mangiare in questo caso, per evitare di abbuffarsi e vanificare gli sforzi. Chiedete quindi il parere di un esperto per sapere quali macronutrienti, alimenti ricchi di proteine, frutta e verdura consumare tra un pasto e l'altro.


COME FUNZIONANO LE DIETE IPERPROTEICHE: I BENEFICI E I RISCHI


Per funzionare in maniera efficiente, il nostro organismo ha bisogno di energie, nutrienti, proteine, e altre sostanze benefiche che mettano in moto tutti gli organi, i muscoli e le cellule del nostro corpo.


Chi vuole dimagrire tende spesso a pensare che per ottenere dei buoni risultati la soluzione più semplice ed efficace sia non mangiare o eliminare totalmente alcuni alimenti, come pane, pasta, uova o dolci, ma in realtà agendo in questo modo spesso si rischia di ottenere l'effetto contrario.


Le diete più efficaci sono infatti quelle dove si mangia poco e spesso, alternando frequenti spuntini - a metà mattina e a merenda - ai 3 pasti fondamentali della giornata, ossia colazione, pranzo e cena, e dove si pratica un'intensa attività sportiva.


Prima di ridurre la quantità di alimenti assunti, o di eliminare un particolare alimento dalla propria dieta, conviene quindi rivolgersi a degli esperti e sentire il parere del medico, per avere dei consigli e un piano operativo per perdere peso in maniera intelligente, senza creare danni al proprio organismo e senza alimentare il nostro senso di fame mangiando alimenti sani e con alto valore nutrizionale.


Piuttosto che improvvisare una dieta fai da te, per sentito dire o per aver letto qualcosa su internet, bisogna infatti partire dalla piena consapevolezza della propria situazione, perché siamo individui tutti diversi gli uni dagli altri, e non è detto che il nostro corpo necessiti la stessa dose di proteine animali, proteinevegetali,zuccheri e carboidrati che sono necessari anche agli altri.


Solo in questo modo ci prenderemo cura del nostro benessere e della nostra bellezza e sicuramente avremo meno problemi di digestione e la giusta dose di energie per affrontare ogni giorno al massimo delle nostre possibilità.


E cosa mangiare in caso di attacchi di fame? Diventa davvero fondamentale sapere cosa mangiare in questo caso, per evitare di abbuffarsi e vanificare gli sforzi. Chiedete quindi il parere di un esperto per sapere quali macronutrienti, alimenti ricchi di proteine, frutta e verdura consumare tra un pasto e l'altro.


DIETA IPERPROTEICA E DIETA DUKAN


Fra le più note diete iperproteiche, un posto di rilievo è occupato dalla dieta Dukan.


Ideata dal nutrizionista francese Pierre Dukan, il suo schema alimentare è articolato in 4 fasi: nella prima, detta "di attacco", il soggetto si nutre per non più di una settimana esclusivamente di carne rossa, pollame, pesce, formaggi, yogurt, latte e latticini light. Nelle fasi successive, tutti gli altri cibi (carne magra, verdure, legumi e cereali) verranno gradatamente reinseriti nella dieta accanto alle proteine.


Questa dieta è inoltre nota in quanto non necessita di un'elevata attività fisica per il raggiungimento del peso corporeo desiderato: 30 minuti di camminata al giorno possono bastare, pertanto potrebbe non è necessario iscriversi in palestra.


DIETA PROTEICA E DIETA ATKINS


La dieta Atkins elimina qualsiasi tipo di zucchero, glucosio compreso, limita l'assunzione giornaliera di carboidrati a un panino ed è molto restrittiva anche nei riguardi dei cibi vegetali: i soli alimenti permessi sono quelli composti da un alto contenuto di grassi e proteine.


DIETA PROTEICA E DIETA LOW CARB


La Low Carb è basata su una forte diminuzione dei carboidrati a vantaggio delle carni, dei prodotti ittici e della verdura: in questa dieta è consentito il consumo di alcuni cibi molto grassi, come il burro e i salumi.


DIETA PROTEICA E DIETA SCARDALE


La Scardale include prevalentemente tutti i tipi di carni e di alimenti vegetali. I carboidrati sono presenti, ma in misura molto ridotta.


ESEMPIO DI MENU GIORNALIERO DELLA DIETA PROTEICA


Ma quali sono il cibo ideale e i piatti principali di queste diete? Ecco, in linea generale, un menù tipo di dieta iperproteica, che, vedrete, contiene alcune affinità con la dieta mediterranea:


Colazione proteica:



Oppure



  • Muesli e frutta secca o cereali integrali (anche quelli contenenti glutine)


Pranzo:



  • Petto di pollo alla griglia o al forno

  • Insalata mista o verdure al vapore


Oppure



  • Pasta integrale col tonno

  • Affettati magri, spinaci


Spuntino:



  • Un frullato di frutta fresca

  • Un etto di ricotta fresca o di formaggio "light"


Oppure:



  • Gallette di riso con burro di arachidi


Cena ricca di proteine:



  • 80 gr di bresaola o di fesa di tacchino arrosto

  • Una macedonia di frutta mista


In una dieta proteica o iperproteica è importante, per prevenire le più comuni problematiche a danni dei reni e del fegato e per evitare il rischio di disidratazione, bere molta acqua durante la giornata (almeno un litro e mezzo) e assumere tisane depurative a base di erbe benefiche come curcuma, tarassaco e cardo mariano.


prossimo articolo

La lattoferrina

LEGGI