Condividi

Parmalat - logo

Tutto quello che c’e’ da sapere sul lattosio

Il lattosio è un disaccaride, cioè uno zucchero complesso composto da due zuccheri semplici: glucosio e galattosio e viene prodotto dalla ghiandola mammaria del mammifero. Il lattosio viene utilizzato nell'industria alimentare sotto forma di latte in polvere ed inserito in molteplici alimenti, quali il latte e i latticini (mozzarella, yogurt, formaggi, burro e panna), ma anche nel pane, nei salumi, dolci, carni e alimenti precotti, compreso risotti, minestre e purè di patate; esso conferisce ai cibi un particolare gusto leggermente dolce.Il lattosio viene digerito da alcuni specifici enzimi chiamati lattasi e beta galattossidasi che lo scindono nei due zuccheri principali: il glucosio e galattosio. Questo enzima è presente nel bambino sin dalla 23a settimana di gestazione e completa la sua massima concentrazione al termine della gravidanza.


Intolleranza al lattosio


L'enzima lattasi, però, tende a diminuire con il corso degli anni fino a scomparire quasi del tutto negli adulti. Per tale motivo, alcuni soggetti si possono definire "intolleranti al lattosio"; ma cos'è l'intolleranza? I soggetti che possiedono una piccolissima percentuale di questo enzima, hanno difficoltà piuttosto evidenti a digerire il lattosio perché esso non viene assorbito dal tratto gastro intestinale; tale intolleranza si manifesta con specifici sintomi piuttosto fastidiosi, come senso di gonfiore, dolori addominali, nausea, mal di testa, diarrea e meteorismo, tendenza al sovrappeso e all'iperglicemia. L'intolleranza al lattosio è piuttosto frequente nell'uomo adulto al contrario del bambino che nasce predisposto a digerire l'enzima; in Europa, circa il 70% dei soggetti soffre di intolleranza, una bella cifra visto che il latte e il lattosio sono contenuti in un gran numero di alimenti che consumiamo quotidianamente e nella maggior parte delle medicine.


Tipologie di intolleranza al lattosio


Esistono due tipologie di intolleranza: quella primaria e quella secondaria; la primaria solitamente è congenita (ipolattasia) o acquisita, anche se molto rara ed è genetica. La secondaria, invece è causata da alcune patologie (gastroenterite, morbo di Crohn, celiachia, deficit immunologici, radiazioni, sindrome del colon irritabile e il Rotavirus che causa un'enterite acuta al lattante e al bambino in età prescolare) che provocano una lesione all'intestino tenue, con la conseguente distruzione dell'enzima. Il lattosio non digerito si deposita nel colon, dove viene fermentato da alcuni batteri, rilasciando gas (idrogeno) principale causa di distensione addominale e gonfiore, nonché di un indebolimento della flora batterica naturale.




Come gestire l'intolleranza al lattosio?


Per combatterla bisogna innanzitutto conoscere, informarsi soprattutto sugli ingredienti che compongono gli alimenti che consumiamo. Solitamente, nei cibi acquistati o nei medicinali viene inserita un'etichetta con la composizione dei singoli ingredienti ed eccipienti; se ne sono sprovvisti, allora è bene informarsi con chi è di competenza (panettieri, pasticceri, farmacisti ecc.). Chi soffre di intolleranza al lattosio tende a ridurre, se non ad eliminare drasticamente, tutti i cibi contenenti lattosio, fra i quali il latte, riducendo così il necessario apporto di calcio utile alla salute umana, soprattutto nella prevenzione dell'osteoporosi (essi contengono circa 1.300 mg di calcio in 100 gr di formaggio, la quantità giornaliera necessaria per il necessario apporto di calcio).


Alimenti senza lattosio






In commercio esistono vari tipi e marche di latticini e latte a bassissimo contenuto di lattosio (meno dello 0,1%, quindi facilmente digeribile); inoltre, non è necessario evitare il consumo di formaggi stagionati; infatti, essi, durante il processo di stagionatura perdono un'altissima percentuale di lattosio divenendo così "già digerito", perché scomposto in glucosio e galattosio; anche lo yogurt subisce un simile trattamento, poiché i batteri che vengono inseriti nel latte per trasformarlo in yogurt, consumano il lattosio durante il processo di trasformazione. Lo yogurt, inoltre, è stato considerato un alimento utile a chi soffre di intolleranza al lattosio; infatti, lo Streptococcus Termophilius produce la beta galattosidasi che favorisce il transito nel tubo digerente. Per chi segue una dieta priva di grassi o per chi soffre di ipercolesterolemia e preferisce evitare il consumo eccessivo di formaggi, esistono valide alternative al latte e ai suoi derivati: latte di soia, di mandorla, di farro e di riso; essi contengono molteplici proprietà benefiche alla salute ed al benessere dell'uomo, come ad esempio, la soia capace di ridurre il colesterolo cattivo (LDL), le vitamine del gruppo E, fibre e minerali.


Sintomi dell'intolleranza al lattosio


Anche se per avere la certezza di essere intolleranti al lattosio è meglio rivolgersi al medico e fare uno specifico test diagnostico, ci sono alcuni sintomi molto evidenti e purtroppo fastidiosi che possono fare da campanello d'allarme, per farci capire che possiamo avere un problema con il latte e i suoi derivati.


Tra quelli più fastidiosi ma meno gravi, ci sono i vari disturbi gastrointestinali, che possono debilitare l'individuo a diversi livelli: dal semplice gonfiore addominale alla flatulenza, dai crampi addominali alla diarrea, avere problemi nella digestione del latte può diventare un vero problema e tale sintomatologia in genere si manifesta con più frequenza nella popolazione di età adulta.


Diverso è invece il caso dell'allergia al latte, che può presentarsi invece nei bambini nel primo anno d'età e poi viene superata in modo naturale. Al contrario l'intolleranza al lattosio è molto difficile che si presenti prima dei 3 anni. Essendo una reazione del sistema immunitario dell'organismo alle proteine del latte, anche i sintomi sono lievemente diversi, e in genere comprendono la classica orticaria, che si manifesta con eruzioni cutanee, pancia gonfia e crampi allo stomaco.


Nel caso quindi notiate tali sintomi nel vostro bambino, conviene affidarsi ai consigli del vostro pediatra, per valutare la strategia per fargli superare tale disturbo in modo semplice e indolore, e per integrare in maniera efficace la sua alimentazione, senza dover rinunciare ai benefici apportati al corpo dal consumo quotidiano del latte.


 


Come diagnosticare e confermare i sintomi dell'intolleranza al lattosio?


Tali sintomi, già in precedenza avvertiti dal paziente, possono essere confermati tramite un test diagnostico: si tratta di un metodo per nulla invasivo e non richiede prelievo di sangue o di urine; basta far somministrare al soggetto intollerante, circa 50 g di lattosio e aumentare le dosi fino al primo comparire dei sintomi. Questo test però non è molto attendibile visto che i sintomi sono molto soggettivi. Una valida alternativa a questo metodo è il Breath test o test del respiro: esso si basa sull'aumento di idrogeno nell'aria respirata dal soggetto intollerante per una durata di 4 ore successive all'assunzione di una parte di lattosio. Il lattosio, nei soggetti intolleranti, non viene digerito e prosegue il transito intestinale senza essere scisso; quanto si deposita nel colon, viene fermentato dalla flora microbica locale producendo gas (idrogeno) e la conseguente sintomatologia dell'intolleranza al lattosio. I risultati di questo test smentiscono la presenza di intolleranza nel 45% dei soggetti che invece soffrono di sindrome del colon irritabile; infatti i sintomi di quest'ultimo sono molto similari a quelli dell'intolleranza al lattosio.


Test del pH fecale e con carico di lattosio


Un altro metodo utilizzato è quello del pH fecale con il quale viene osservato, tramite un apposito indicatore acido-base, il fenomeno della variazione di colore causata dalla presenza di acido lattico ed acidi grassi nelle feci. Purtroppo però, tale test non è molto attendibile, contrariamente a quello eseguito tramite carico di lattosio; dopo aver assunto il lattosio, nelle due ore successive viene controllato l'aumento della glicemia; se il lattosio viene scisso e assorbito completamente, la glicemia aumenta oltre i 20 mg/100 ml, mentre in caso di intolleranza questo aumento non si verifica. Infine la biopsia enterica con conseguente esame istologico di piccoli frammenti di mucosa digiunale per evidenziare una diminuzione della densità microvillare.


prossimo articolo

Cosa fare con il latte in scadenza

LEGGI