Condividi

Gnocchi radicchio speck e noci - Parmalat

preparazione
Preparazione: 15 min Cottura: 10 min

Difficoltà
Facile

Gnocchi di patate 250 gr

Latte Zymil Microfiltrato Buono Digeribile 100 ml

Radicchio 1/2 cespo

Aglio 1/2 spicchio

speck 25 gr

Vino bianco 1/2 bicchiere

Vedi tutti gli ingredienti
Latte Zymil Microfiltrato Buono Digeribile

Zymil Buono Digeribile è il latte con l'1% di gras...

Scopri il prodotto
Latte Zymil Microfiltrato Buono Digeribile

Gnocchi radicchio speck e noci

preparazione
Preparazione: 15 min Cottura: 10 min

Difficoltà
Facile

ingredienti

Gnocchi di patate 250 gr

Latte Zymil Microfiltrato Buono Digeribile 100 ml

Radicchio 1/2 cespo

Aglio 1/2 spicchio

speck 25 gr

Vino bianco 1/2 bicchiere

Vedi tutti gli ingredienti
Latte Zymil Microfiltrato Buono Digeribile

Zymil Buono Digeribile è il latte con l'1% di gras...

Scopri il prodotto
Latte Zymil Microfiltrato Buono Digeribile

Gli gnocchi radicchio, speck e noci sono un primo piatto gustoso ideale da gustare nelle giornate più fredde.

Il gusto dolce degli gnocchi di patate si sposa benissimo con il sapore deciso dello speck affumicato e quello amaro del radicchio. Il tutto viene reso cremoso grazie al latte Zymil ed esaltato dal tono croccante delle noci tritate.

Si tratta di un primo piatto sostanzioso realizzato con tutti prodotti tipici e originari del Nord Italia, a partire dagli gnocchi che compaiono proprio sui banchetti rinascimentali della Lombardia, per poi passare al radicchio trevigiano e allo speck altoatesino.

Per arricchire ulteriormente il piatto e renderlo ancora più cremoso e appetitoso, non stonerebbe aggiungere del gorgonzola lombardo e fare degli gnocchi, radicchio, speck e noci un piatto bandiera dei migliori prodotti del nostro Nord.

Se volete portare in tavola questo gustossimo primo, scoprite subito tutti i passaggi della ricetta:


Preparazione

Preparazione: 15 min Cottura: 10 min
totali

In un tegame mettete l'olio con mezzo spicchio d'aglio e fate rosolare per pochi minuti. Aggiungete quindi lo speck e cuocetelo fino a farlo diventare un po' croccante. Potete sostituire l'aglio con la cipolla per dare una nota più dolce al piatto e contrastare la vena amarognola del radicchio.

Aggiungete anche il radicchio, sfumate con il vino bianco e fate cuocere per circa 10 minuti a fiamma bassa. Infine aggiungete il latte mescolando per bene e continuando a cuocere per qualche minuto.

Togliete l'aglio e trasferite il composto di speck e radicchio in un mixer.

Frullate fino a ottenere una crema densa, aggiungete il pecorino, regolate di sale e pepe e scaldate nuovamente la crema sul fuoco per pochi secondi.

Se preferite una crema più grossolana così da bilanciare la morbidezza degli gnocchi, è sufficiente frullare a scatti il composto per non tritare eccessivamente il radicchio e lo speck.

Cuocete gli gnocchi in abbondante acqua salata, scolateli con una schiumarola tenendo l’acqua di cottura da parte e tuffateli e versateli nella crema di radicchio e speck.

Amalgamate aggiungendo le noci tritate e, se necessario, un mestolo di acqua di cottura. Potete riprendere il gusto dello speck anche nella guarnizione finale, facendo tostare in una padella senza olio lo speck tagliato a listarelle sottili e aggiungerlo alle noci tritate.

I vostri gnocchi radicchio speck e noci sono pronti per essere serviti e gustati!

Curiosità

Come tutti gli alimenti amarognoli, il radicchio è sempre guardato con un po’ di diffidenza soprattutto dai più piccoli.

È una verdura tipicamente invernale che appartiene alla famiglia delle cicorie, della quale esistono numerose varianti che si distinguono per forma, più o meno allungata, per colore che varia dal viola al verde, e per gusto più o meno amaro. Coltivato principalmente nel Nord-Est Italia, tra le varietà più importanti si trovano il radicchio rosso di Treviso, di Chioggia e di Verona.

Il radicchio, come tutte le verdure, è povero di calorie e ricco di acqua e fibre che aiutano la digestione e le funzioni intestinali. È fonte di vitamine C, K e B, e presenta una buona concentrazione di potassio. Infine, è un ottimo antiossidante in grado di favorire il ricambio cellulare e ha anche proprietà antinfiammatorie e antibatteriche.

Per poter beneficiare di tutte le sue proprietà è consigliabile consumarlo crudo in centrifughe o insalate, magari in abbinamento con carote o barbabietola rossa che con il loro sapore più dolce vanno a contrastare il gusto amaro del radicchio.

Cotto, in padella o alla griglia, è un ottimo alleato di risotti o valida alternativa all’indivia, o scarola, nel ripieno della pizza di scarola napoletana.


al bar

Con Zymil ti senti al 100%...
Anche al bar!


Scopri di più

al bar

Con Zymil ti senti al 100%...
Anche al bar!

Scopri di più