La tartare di salmone è un piatto semplice ma raffinato che può essere un ottimo entrée di un menù a base di pesce oppure essere servito come secondo piatto di una cena importante.

Preparare la tartare di salmone è molto facile, ma, per fare di questo piatto un vero capolavoro, è fondamentale che il pesce sia freschissimo e di prima scelta e soprattutto che sia stato abbattuto, così da poter essere consumato crudo.

Dunque, se non avete acquistato del salmone precedentemente abbattuto, ricordatevi di congelarlo crudo a -18° per almeno 48 ore e poi decongelarlo in frigo: questo aiuterà a combattere la formazione di microrganismi patogeni e renderà sicuro il consumo del salmone crudo.

La marinatura della tartare di salmone può essere personalizzata a seconda dei propri gusti, con spezie come il pepe rosa per un gusto più aromatico, erbe aromatiche come il timo fresco, oppure con dello zenzero e del pompelmo rosa come alternativa al limone e all’arancia per un sapore più agrumato.

Risulta ottima anche da servire accompagnata con frutta esotica come il mango e il classico avocado, potendo realizzare delle piccole monoporzioni colorate dal grande effetto scenografico, ideali da servire al bicchiere in occasione di buffet importanti.

Non resta che vedere insieme, passo per passo, come preparare la tartare di salmone con salsa bianca, con alcuni trucchi e consigli utili.

Preparazione

  1. 1

    Per la preparazione della tartare di salmone prima di tutto pulite il filetto di salmone, precedentemente abbattuto, togliendo la pelle e le spine aiutandovi con la pinzetta apposita.

    Poi tagliate il salmone a cubetti molto piccoli e metteteli in una ciotola con il succo di limone e di arancia, l’olio, l’erba cipollina tritata finemente, sale e pepe.

    Mescolate tutti gli ingredienti e lasciate marinare il salmone per almeno 10 minuti in frigo coprendo la ciotola con la pellicola trasparente.

  2. 2

    Nel frattempo, procedete alla preparazione della salsa bianca. Frullate con un minipimer e un movimento verticale il latte, la senape, l’aceto di mele, sale e pepe aggiungendo a filo l’olio fino a raggiungere la consistenza desiderata. Più olio aggiungete e più la salsa bianca si farà densa.

    Aggiungete anche la quantità di capperi e sottaceti che desiderate, date un’ultima frullata alla salsa e aggiustate di sapore o densità se necessario aggiungendo ulteriore sale, aceto, senape o olio.

  3. 3

    Prendete la dadolata di salmone fresco marinato e dividetela nei coppapasta direttamente nei piatti pressando bene e lasciandola in posa per qualche minuto, in modo che risulti ben tagliata e compatta.

    Togliete ora i coppapasta e servite la tartare di salmone con un filo di salsa bianca e qualche filo di erba cipollina a guarnire.

    Potete, in alternativa, servire la tartare di salmone anche su un letto di salsa bianca.

     

    Curiosità

    Per la nostra ricetta abbiamo scelto di accompagnare la tartare di salmone con una salsa bianca, dalla consistenza simile alla maionese, ma senza uova e arricchita con capperi e cetrioli. Questa è solo una delle tante salse d’accompagnamento che potete preparare per le vostri ricette di mare, ecco alcune idee sfiziose.

    Per chi ama i sapori freschi e aromatici ideale è la salsa prezzemolata allo yogurt: vi basterà aggiungere a dello yogurt magro qualche cucchiaio di maionese e del succo di limone e arricchirla con del prezzemolo tritato finemente e dei capperi.

    Potete anche preparare una salsa con dello yogurt greco a cui aggiungere l’erba cipollina, dell’aneto, dal gusto balsamico che ben si sposa con il salmone, oppure spezie a scelta come il peperoncino, il pepe rosa, e il curry.

    Un’alternativa alla classica salsa al limone per chi ama il sapore agrodolce in accompagnamento al pesce, è la salsa all’arancia. Per prepararla vi occorrono circa 6 arance, 100 grammi di burro, 4 cucchiai di zucchero, un cucchiaino di amido di mais, vino bianco secco e sale.

    Mettete sul fuoco un pentolino con due cucchiai di vino bianco e lo zucchero e quando quest’ultimo sarà ben sciolto, unite il burro a pezzi e mescolate con una frusta cercando di eliminare eventuali grumi. Dunque, spremete e filtrate il succo delle arance e aggiungetelo facendo bollire il tutto per circa 10 minuti. In ultimo, aggiungete il pizzico di sale e il cucchiaino di amido di mais e fate addensare la salsa.

Scopri le altre ricette

Ti aspettano tanti gustosi piatti con cui sorprendere i tuoi ospiti!