Condividi

Chef - logo
Lasagne radicchio e speck

Lasagne radicchio e speck

Informazioni

Durata
Difficoltà
Ingredienti

Preparazione: 25 min Cottura: 30 min

Facile

Per 4 persone

Ingredienti

Pasta fresca pronta per lasagne

250 gr

Besciamella classica

500 ml

radicchio rosso

2 cespi

Scalogno

1 scalogno

Speck a fette

150 gr

Parmigiano

100 gr

Provola

100 gr

Aglio

1 spicchio

Olio evo

Sale

Pepe

Besciamella Classica

500 ml

Preparazione

  1. Per prima cosa, dovrete realizzare la farcitura delle lasagne radicchio e speck. Mondate, quindi, e lavate accuratamente i cespi di radicchio e tagliateli a strisce grossolane. Sbucciate anche lo scalogno e tagliatelo a striscioline sottili. Se non avete a disposizione lo scalogno, potete sostituirlo con della cipolla, meglio se rossa di Tropea dal gusto più delicato.

    Mettete a scaldare in una padella 3 cucchiai di olio extravergine di oliva e lo spicchio d'aglio sbucciato e schiacciato; quando l'olio sarà caldo unitevi lo scalogno, lasciatelo appassire per un paio di minuti, poi aggiungete anche il radicchio. Salate e pepate e lasciate cuocere, con un coperchio, per una decina di minuti circa.

    Una volta cotto, eliminate lo spicchio d'aglio e lasciate raffreddare il radicchio.

    Nel frattempo, occupatevi dello speck e della provola: prendete per prime le fette di speck, tagliatele a striscioline e mettetele in una ciotola.

    Per quanto riguarda la provola, invece, privatela della crosta e tagliatela a dadini, poi trasferite anch'essa in una ciotola. Vi serviranno per comporre le lasagne.

  2. Oliate per bene il fondo e i bordi di una pirofila e versatevi dentro un paio di cucchiai di Besciamella Classica Chef, allargandola bene. Se la besciamella risulta troppo densa, potete diluirla con un po' di latte e scaldarla in un pentolino aggiungendovi anche un pizzico di noce moscata.

    Iniziate a realizzare le lasagne mettendo sopra la besciamella uno strato di lasagne fresche all'uovo (se è indicato sulla confezione, sbollentatele prima in acqua bollente salata per un paio di minuti), poi mettete dell'altra besciamella, un paio di cucchiai di radicchio, una manciata di striscioline di speck, un po' di cubetti di provola e una manciata di parmigiano.

    Procedete in questo modo fino a esaurimento degli ingredienti (non superate comunque i 4 strati) e chiudete l'ultimo strato con abbondante besciamella e parmigiano.

  3. Preriscaldate il forno a 180°, poi infornate le lasagne e lasciatele cuocere per circa 25/30 minuti.

    Quando saranno pronte e avranno formato una bella crosticina in superficie, estraete le lasagne radicchio e speck dal forno, lasciatele riposare per una decina di minuti e portatele in tavola per servirle. Buon appetito!

    Curiosità

    Inutile negare che quando all'estero viene nominata l'Italia il pensiero corre veloce ai piatti più tradizionali della nostra terra. Tra le ricette più classiche della tradizione gastronomica italiana, un posto d'onore è riservato a quella delle lasagne. Questo piatto è talmente radicato nella tradizione collettiva che ogni regione vanta la propria versione di questa buonissima pasta al forno.

    Ma dove e quando hanno avuto origine le lasagne? A contendersi la paternità di questa squisita ricetta sono le due grandi città di Bologna e Napoli. In realtà le lasagne alla bolognese e quelle napoletane sono molto diverse tra loro.

    Le lasagne alla bolognese sono famose per l'utilizzo della besciamella, del ragù di carne e del parmigiano. Le lasagne che si preparano a Napoli sono invece ancora più ricche grazie alla presenza delle polpette di carne e del formaggio pecorino. Nelle lasagne napoletane, e in generale nel meridione, molto diffuso è anche l'utilizzo dell'uovo sodo e del prosciutto cotto nella farcia.

    Eppure non bisogna dimenticare le tante altre ricette locali. Avete ma sentito parlare dei Vincisgrassi marchigiani? Questa variante di lasagne prevede l'utilizzo di ben tre tipi di carne diversa, per ottenere una vera e propria esplosione di sapori.

    Da non dimenticare anche il timballo di scrippelle alla teramana, nient'altro che la versione abruzzese di un pasticcio di crespelle in sostituzione delle sfoglie di pasta, condite con ragù o sugo di agnello, polpettine di carne e piselli, o con del semplice burro, pecorino e carciofi fritti.

    Insomma, ogni regione caratterizza questo antico piatto con i prodotti migliori che offre il proprio territorio e il risultato è sempre eccezionale!