Condividi

Torta grano saraceno - Parmalat

preparazione
Preparazione: 10 min Cottura: 40 min

Difficoltà
Facile

ingredienti
Per 8 persone

farina di grano saraceno

farina di grano saraceno 250 gr

Crema di latte

Crema di latte 250 ml

Zucchero

Zucchero 250 gr

nocciole sgusciate

nocciole sgusciate 250 gr

Uova

Uova 3

mele

mele 1

Vedi tutti gli ingredienti
Crema di Latte

Cerchi qualcosa che possa rendere veramente irresi...

Scopri il prodotto
Acquista ora
Crema di Latte

preparazione
Preparazione: 10 min Cottura: 40 min

Difficoltà
Facile

ingredienti
Per 8 persone

farina di grano saraceno

farina di grano saraceno 250 gr

Crema di latte

Crema di latte 250 ml

Zucchero

Zucchero 250 gr

nocciole sgusciate

nocciole sgusciate 250 gr

Uova

Uova 3

mele

mele 1

Vedi tutti gli ingredienti
Crema di Latte

Cerchi qualcosa che possa rendere veramente irresi...

Scopri il prodotto
Acquista ora
Crema di Latte

La torta al grano saraceno è un dessert al profumo di frutti di bosco dal sapore gustosissimo. Chiamata in Alto Adige schwarzplententort, si distingue dalle altre per essere una torta light a portata di celiaci. Non possiede nell'impasto né burro né olio, ma soltanto la farina di grano saraceno, la Crema di Latte Chef e una polvere di nocciole.

Il sapore rustico di questa preparazione vi conquisterà! Umida esoffice all'interno, grazie alla presenza di mele grattugiate, questa torta equilibra perfettamente il gusto deciso del grano saraceno con la acidità dei frutti rossi, garantendo un'esplosione di sapori e consistenze nel palato.

A vostro piacimento potete sostituire le nocciole con le mandorle, aromatizzare l'impasto con la scorza di limone grattugiata o un estratto di vaniglia e scegliere la vostra confettura di frutti preferita: le più adatte sono senza dubbio ai lamponi, ai mirtilli o alle fragole, che garantiscono un connubio perfetto con gli altri ingredienti. Se siete amanti dello zucchero di canna, potete sostituirlo allo zucchero semolato, conferendo un ulteriore colore ambrato alla vostra torta.

Se volete preparare questa golosa torta senza glutine, seguite questi consigli:


Preparazione

Preparazione: 10 min Cottura: 40 min
totali

Per prima cosa separate i tuorli dagli albumi. Montate a neve gli albumi con 100 gr di zucchero presi dal totale. Lavorate in un altro recipiente la Crema di Latte Chef con il restante zucchero e i tuorli, fino a ottenere una crema chiara e spumosa. A questo punto aggiungete al composto di tuorli la farina di grano saraceno setacciata con il lievito per dolci a più riprese e mescolate il tutto con l'aiuto di una spatola.

Tritate le nocciole in un mixer e unitele al composto con la scorza di limone grattugiata, la mela grattugiata e mescolate.

Incorporate delicatamente gli albumi montati a neve al composto e mescolate per amalgamare tutti gli ingredienti. Versate l'impasto ottenuto in una tortiera ricoperta con della carta forno e cuocete in forno statico preriscaldato a 170° per 40 minuti. Controllate la cottura con la prova dello stecchino.

Una volta sfornata la torta, prima di toglierla dalla tortiera assicuratevi che si sia raffreddata completamente. A questo punto, con un coltello ben affilato, tagliate la torta a metà. Proseguite con la farcitura, spalmando con un cucchiaio la vostra confettura preferita. Spolverate la torta con dello zucchero a velo e il gioco è fatto!

Curiosità (250-300 parole)

La schwarzplententorte, tortagrano saraceno con confettura di frutti rossi, è una torta tipica altotesina in cui il contrasto tra il sapore del grano saraceno con la confettura è irresistibile.

Non avete mai sentito parlare di questo tipo di farina che nonostante il nome possa ingannare non è a base di grano duro? Eccovi serviti! Vi schiarirete le idee su questa farina molte volte sottovalutata per il suo sapore molto rustico.

Per prima cosa, la farina di grano saraceno è ottima per coloro che seguono un'alimentazione priva di glutine. E infatti consumabile dai celiaci senza problemi, essendo una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Poliganocee. Il suo nome scientifico è Polygonum fagopyrum: la prima parola identifica la sua famiglia, mentre fagopyrum è composto da due parole, fago+piro: la prima si riferisce alla pianta del faggio per via della somiglianza dei suoi semi triangolari, e dalla parola piro, che significa frumento, farina che si ottiene dal grano saraceno.

In Italia viene chiamato "saraceno" probabilmente a partire da due ipotesi:

- La prima ipotizza che questo tipo di grano sia stato introdotto dai mercanti arabi, appunto saraceni;

- Il nome saraceno secondo alcuni è invece stato associato a questi chicchi dal colore scuro per ricordare la pelle ambrata dei saraceni.

Se volete riconoscere la pianta di grano saraceno dovrete fare attenzione al fusto, il quale possiede una forma cilindrica e spicca per il colore: appena germogliato è verde, mentre con l'avanzare dello stato di maturazione assume il tipico colore rosso-blunastro. A questo punto il grano è pronto per essere raccolto.

porta le ricette sempre con te

Scarica l'app
Chef, cosa cucino oggi?

Download

porta le ricette sempre con te

Scarica l'app
Chef, cosa cucino oggi?

Download