I tortellini panna e funghi sono un primo piatto goloso e profumato anche grazie all’uso del prezzemolo e della Panna ai Funghi Porcini Chef.

I tortellini sono una tipologia di pasta ripiena tipica della cucina emiliana, buona da mangiare e veloce da cucinare. Potete prepararli a casa vostra o comprarli già pronti e il ripieno può essere di carne oppure vegetariano, in base al vostro gusto. I tortellini saranno cotti in pochi minuti, preferibilmente nel brodo ma a seconda del condimento potrete anche cuocerli semplicemente in una pentola di acqua bollente come la pasta fresca. Lasciate la cottura al dente, così che potrete ripassarli in padella con condimento di panna da cucina e funghi freschi per un risultato davvero gustoso.

Perfetti per un pranzo in famiglia o una cena con amici, i tortellini sono uno di quei primi piatti di pasta adatti per ogni occasione e da cucinare in pochissimi minuti. Immancabile poi una spolverata finale di parmigiano grattugiato per completare il piatto e una macinata di pepe per chi ne gradisce l’aroma.

In questa ricetta vi mostreremo come cucinare i tortellini con funghi porcini tagliati a dadini, ma potete anche utilizzare dei funghi champignon: i primi sono più intensi, profumati e terrosi, i secondi sono più delicati e dolci. Esaltatene il sapore con del prezzemolo tritato e fateli saltare a fiamma alta per un risultato ottimale. Allieteranno il palato di tutti.

Per prepararli vi basterà seguire queste indicazioni, con alcuni consigli e qualche curiosità che potreste non sapere sui tortellini:

Preparazione

  1. 1

    Pulite delicatamente i funghi dalla terra in eccesso con un panno di cotone umido. Tagliateli a fettine e aggiungeteli in una padella dove scalderete l’olio extravergine d’oliva e uno spicchio d’aglio.

    Fateli saltare per 2 minuti, poi aggiungete l’acqua. Fateli cuocere per 8 minuti e, quando tutta l’acqua in eccesso sarà evaporata, eliminate l’aglio e aggiungete il prezzemolo tritato.

  2. 2

    A questo punto incorporate la Panna ai Funghi Porcini Chef al condimento che avete preparato in precedenza e amalgamate gli ingredienti per 5 minuti con l’aiuto di un cucchiaio in legno.

    Ricordate di usare una fiamma molto bassa e di mescolare in maniera continua, in modo da non far attaccare il condimento alla padella.

  3. 3

    Mettete a bollire dell’acqua in una pentola, aggiungete il sale e calate i tortellini. Fateli bollire indicativamente per circa 3 minuti (considerate sempre l’indicazione di cottura sulla confezione).

    Toglieteli dall’acqua di cottura usando una schiumarola: in questo modo non rischierete di romperli. Aggiungeteli direttamente in padella e mescolate il tutto a fiamma media per 2 minuti.

    I tortellini panna e funghi sono pronti per essere gustati! Se lo gradite, aggiungete qualche rondella di porro e fogliolina di maggiorana.

     

    Curiosità

    I tortellini sono un piatto davvero antico, la cui storia è accompagnata da numerose leggende, come quella che vede protagonista una marchesina che andò ad alloggiare in una locanda di Castelfranco Emilia. Il locandiere rimase incantato dalla bellezza della donna, così andò a spiarla dal buco della serratura e le vide l’ombelico: il locandiere preparò così il tortellino ispirandosi a questa forma ammaliante.

    In un’altra versione leggendaria invece, fu Venere a rifugiarsi in una locanda, durante la guerra tra Modena e Bologna: anche in questo caso il locandiere vide l’ombelico di Venere e, rimanendone incantato, diede vita ai tortellini per riprodurne la forma.

    La storia, invece, ci dice che i tortellini risalgono probabilmente al XII secolo, con attestazioni scritte risalenti al Trecento e addirittura una novella del Boccaccio. Nella storia più recente invece, rappresenta un momento fondamentale il giorno in cui, nel 1904, i fratelli emiliani Bartani presentano alla fiera di Los Angeles i tortellini e illustrano la loro preparazione e la loro conservazione, dando così fama internazionale al piatto.

    Bisogna anche ricordare che esistono due scuole di pensiero sui tortellini: la scuola emiliana e la scuola modenese, che differiscono principalmente sul ripieno. Secondo la scuola emiliana, il ripieno dei tortellini è costituito da lombo di maiale marinato, prosciutto crudo, mortadella di Bologna, parmigiano, uova e spezie. Nella versione modenese invece il ripieno è costituito da lonza di maiale saltata velocemente in padella, unita a prosciutto crudo di Modena, mortadella, parmigiano, uova e spezie.

    Entrambi i tortellini sono sicuramente deliziosi e un classico della nostra tradizione culinaria: a voi la scelta!

     

    Domande e Risposte

    Quali sono le origini dei tortellini?

    Esistono molte leggende sulle origini dei tortellini, ma si pensa che il piatto risalga al XII secolo e che inizialmente venisse preparato a Bologna.

    Di cosa sono ripieni i tortellini?

    Esistono due versioni di ripieno per i tortellini, la versione emiliana a base di lombo di maiale marinato e la versione modenese a base di lonza di maiale saltata velocemente in padella.

    Come condire i tortellini?

    I tortellini si possono gustare in brodo, ma anche con condimenti più ricchi come con panna da cucina e funghi, panna da cucina e dadini di prosciutto cotto, oppure al sugo.

Scopri le altre ricette

Ti aspettano tanti gustosi piatti con cui sorprendere i tuoi ospiti!