Il risotto è uno dei primi piatti più versatili della gastronomia italiana: può essere la portata principale di una cena elegante, ma anche il protagonista di un pranzo in famiglia, può essere precotto in anticipo e accontentare i palati più esigenti anche per un pasto veloce, e – con gli ingredienti giusti – diventa un modo intelligente per soddisfare anche i bambini più riluttanti a mangiare con gusto e in modo sano.

Preparato con gli ingredienti tipici dell’amatissima e celeberrima pizza Margherita, questo risotto trasforma i sapori di un piatto unico in quelli di un goloso primo piatto, realizzato con del buon riso carnaroli. Quando porterete in tavola il vostro risotto, ritroverete tutti i profumi della buona salsa di pomodoro condita con olio extravergine e basilico fresco: un abbinamento classico, alfiere dell’italianità, che sa soddisfare anche il palato più esigente.

Per mantecare questo originale risotto, utilizzeremo dei cubetti di mozzarella fiordilatte, che ricordano il sapore della pizzaiola, e la Panna Classica Chef, ideale per dare al risotto una perfetta consistenza all’onda, cremosa e vellutata al punto giusto. La ricetta è di facile esecuzione e piuttosto veloce e, a differenza di altre dello stesso genere, richiede davvero pochi, semplici ingredienti: non resta che provare!

E se vi piace il gusto del risotto alla pizzaiola, inoltre, vi consigliamo di assaggiare anche gli involtini di carne alla pizzaiola e il nostro semplice risotto al pomodoro, un classico senza tempo che piace ad adulti e bambini.

Preparazione

  1. 1

    Per preparare un buon risotto alla pizzaiola, iniziate con il sugo di pomodoro, che dovrete insaporire in un pentolino, a fiamma bassa, con lo spicchio d’aglio, un filo d’olio e una foglia di basilico fresco. Aggiustate di sale e lasciate riscaldare finché non giungerà ad ebollizione: a questo punto togliete l’aglio e lasciate cuocere per circa 20 minuti; dovrete ottenere un sugo cremoso e corposo. Nel frattempo, tagliate la mozzarella a cubetti di piccole dimensioni.

  2. 2

    Tostate il riso in una casseruola per un paio di minuti, poi irroratelo con un mestolo di brodo e mescolate con cura. Procedete con la cottura del riso aggiungendo mestolo di brodo vegetale bollente alla volta, non appena il riso avrà assorbito i liquidi. Dopo circa 10 minuti, aggiungete al riso metà della salsa di pomodoro e continuate la cottura per circa una decina di minuti, finché il riso sarà ben cotto ma ancora al dente. Poco prima della fine della cottura, versate la parte rimanente della salsa di pomodoro, in modo che il risotto risulti di un bel colore rosso acceso.

  3. 3

    Infine, procedete con la mantecatura: spegnete il fuoco, aggiungete al riso la mozzarella a cubetti e la Panna Fresca Chef, mescolando con cura. Se volete, potete aggiungere un filo d’olio extravergine d’oliva. Servite il risotto alla pizzaiola molto caldo, decorando il piatto con una foglia di basilico fresco.

     

    Curiosità:

    La “pizzaiola” è un vero e proprio stile, più che un semplice piatto; si potrebbe dire che è quasi una filosofia: semplicità, praticità, un abbinamento di sapori e profumi che ricordano la gastronomia italiana nella sua essenza, insomma, uno dei simboli della cucina mediterranea.

    Oggi, tuttavia, la pizzaiola non è conosciuta principalmente per il risotto, anzi: questa è una nostra rivisitazione di un piatto molto famoso, tradizionale e apprezzato, ovvero la carne alla pizzaiola. Fettine di vitellone, basilico, abbondante sugo e l’obbligo di fare la scarpetta con tanto pane morbido. La carne alla pizzaiola, tenera e sugosa, è un secondo piatto tipico della tradizione napoletana, ma ormai radicato in tutta Italia. Ne esistono tante rielaborazioni e numerose varianti, spesso influenzate dai sapori del territorio d’appartenenza: in Sicilia, ad esempio, si usa preparare la carne alla pizzaiola con abbondanti cipolle e qualche cappero dissalato.

    Per trasformare questo goloso secondo di carne in un invitante risotto, abbiamo attinto dall’offerta alimentare del Nord Italia: riso Carnaroli o il più raffinato Vialone Nano, del buon burro per mantecare e tutta la tradizione delle risaie padane, per un risotto a regola d’arte.

     

    Domande e Risposte

    Come posso insaporire ulteriormente il risotto alla pizzaiola?

    Se vi piacciono i sapori forti, aggiungete alla base del risotto anche un cucchiaino di paté di acciughe. Potete inoltre inserire, al momento della mantecatura, anche delle olive verdi tagliate a rondelle e insaporire il tutto con una manciata di origano tritato.

    Quanto deve tostare il riso?

    Per una buona tostatura, il riso deve essere versato in una pentola bassa e larga molto calda, deve essere poi scottato per circa un minuto (o poco meno). Vi consigliamo di scuotere la pentola in modo da tostare il riso uniformemente: questo passaggio è molto importante perché permette al riso di “impermeabilizzarsi” e restare ben al dente, oltre a sprigionare tutti i suoi aromi.

    Che tipo di pomodoro usare per questa ricetta?

    Per realizzare un buon risotto alla pizzaiola vi consigliamo di utilizzare una buona passata di pomodoro, meglio se artigianale o fatta in casa con un buon pomodoro della varietà San Marzano.

Scopri le altre ricette

Ti aspettano tanti gustosi piatti con cui sorprendere i tuoi ospiti!