Condividi

Vellutata di barbabietola - Parmalat

preparazione
Preparazione: 30 min Cottura: 60 min

ingredienti
Per 6 persone

Barbabietola

Barbabietola 650 gr

Chef Panna fresca

Chef Panna fresca 250 ml

brodo vegetale

brodo vegetale 800 ml

Patate

Patate 150 gr

cipolla

cipolla 2

Carote

Carote 2

Vedi tutti gli ingredienti
Panna Fresca

Per offrirti sempre il meglio, Chef ti propone la ...

Scopri il prodotto
Panna Fresca

preparazione
Preparazione: 30 min Cottura: 60 min


ingredienti
Per 6 persone

Barbabietola

Barbabietola 650 gr

Chef Panna fresca

Chef Panna fresca 250 ml

brodo vegetale

brodo vegetale 800 ml

Patate

Patate 150 gr

cipolla

cipolla 2

Carote

Carote 2

Vedi tutti gli ingredienti
Panna Fresca

Per offrirti sempre il meglio, Chef ti propone la ...

Scopri il prodotto
Panna Fresca

Avete voglia di una cena sana e gustosa? Provate la vellutata di barbabietola, il suo colore intenso e il retrogusto dolce vi conquisteranno. La barbabietola, detta anche rapa rossa, è perfetta per realizzare un primo vegetariano, essendo un ortaggio dal sapore deciso e forte o una zuppa saporita.

Il tocco della Panna Fresca Chef è immancabile per ottenere una crema di barbabietole liscia e cremosa. A vostro piacimento potete aggiungere anche un formaggio morbido, fino ad ottenere la consistenza cremosa che desiderate. Potete accompagnare la vellutata di barbabietole come preferite, con dei crostini di pane, con delle gallette oppure semplicemente con del pane tostato in padella con un filo d'olio e aromatizzato con le vostre spezie preferite. La bellezza di questa ricetta è che è adattabile a tutte le verdure di stagione, sostituendo le barbabietole con della zucca o dei broccoli. Prima di servire potete aggiungere della frutta secca tostata per conferire al piatto un ulteriore nota di croccantezza.

Questa pietanza è perfetta da consumare in inverno, essendo un piatto caldo riscalderà le vostre serate più fredde con un gusto di cui non vorrete fare più a meno: una cucchiaiata tirerà l'altra! Avete già l'acquolina in bocca? Allacciate il grembiule, si cucina!


Preparazione

Preparazione: 30 min Cottura: 60 min
totali

Per realizzare una vellutata di barbabietole, per prima cosa dedicatevi al lavaggio e pulizia della verdura. Sbucciate e tagliate a cubetti le barbabietole, le carote, le cipolle, lo scalogno e le patate. In un tegame dai bordi alti sciogliete una noce di burro e ponete un filo d'olio. Quando il burro sarà sciolto, aggiungete tutte le verdure e lasciatele rosolare per cinque minuti.

Quando le verdure saranno appassite, versate nel tegame del brodo vegetale, regolate di sale e di pepe e lasciate cuocere con coperchio per almeno 30 minuti. Dopodiché con un frullatore ad immersione frullate il composto fino ad ottenere una crema liscia e omogenea. Per ottenere una consistenza ancor più cremosa, aggiungete la Panna Fresca Chef e lasciate cuocere per qualche minuto. La panna liquida unirà tutti gli ingredienti, dando vita ad una pietanza degna di essere chiamata vellutata.

Servite la vellutata di barbabietole rosse in un piatto fondo, aggiungendo in superficie un filo d'olio e le vostre erbe aromatiche preferite. Il basilico è consigliatissimo! Se volete aggiungete anche un cucchiaino di yogurt greco come guarnizione.

Servite ben caldo con dei crostini di pane. Buon appetito!

Curiosità

Gli uomini consumano le barbabietole fin dall'epoca cristiana, in particolare questo ortaggio fu importato dall'Africa nel Nord prima in Grecia e poi in tutto l'impero romano. In Grecia le rape rosse venivano chiamate "beta" come testimonia Teocrasto; per i romani le barbabietole non erano considerate solo un alimento, ma un un vero e proprio alleato della salute, usate come unguenti o medicinali.

Anticamente la barbabietola veniva consumata diversamente, in quanto venivano mangiate solo le foglie e scartate le radici, contrariamente a quanto facciamo oggi. Plinio Il Vecchio nel suo De Naturalis Historia nomina anche questo ortaggio, sottolineando le proprietà nutritive delle foglie. La radice della barbabietola fu rivalutata nel corso del Settecento da un agronomo francese, il quale aveva notato che lo sciroppo estratto dalla radice bollita era del tutto simile allo sciroppo dello zucchero. La sua intuizione inizialmente cadde nel vuoto, per poi essere ripresa decenni più tardi dal prussiano Andreas Sigismund Marggraf, il quale dimostrò che i cristalli ottenuti dalla barbabietola erano uguali a quelli ottenuti dalla canna da zucchero. Da qui la barbabietola venne chiamata anche "barbabietola da zucchero".

Ad avviare la commercializzazione dello zucchero ottenuto dalle barbabietole fu Napoleone, il quale fu il primo ad investire sull'estrazione dello zucchero da questo ortaggio, permettendo di coltivarlo in larga scala e promuovendone la diffusione.

Dovete sapere infine che la barbabietola rilascia un colorante naturale, usato oggi nei prodotti industriali sia per coloranti alimentari sia nel mondo del beauty per produrre cosmetici di origine naturale.

porta le ricette sempre con te

Scarica l'app
Chef, cosa cucino oggi?

Download

porta le ricette sempre con te

Scarica l'app
Chef, cosa cucino oggi?

Download