Condividi

Vellutata di fave - Parmalat

preparazione
45 min

Difficoltà
Facile

ingredienti
Per 4 persone

Fave

Fave 500 g

Panna ai funghi porcini

Panna ai funghi porcini 125 ml

Patate

Patate 2

Carote

Carote 1

cipolla

cipolla 1

pecorino

pecorino 35 g

Vedi tutti gli ingredienti
Panna ai Funghi Porcini

Panna Chef ai Funghi Porcini ha l’intenso sapore d...

Scopri il prodotto
Panna ai Funghi Porcini

preparazione
45 min

Difficoltà
Facile

ingredienti
Per 4 persone

Fave

Fave 500 g

Panna ai funghi porcini

Panna ai funghi porcini 125 ml

Patate

Patate 2

Carote

Carote 1

cipolla

cipolla 1

pecorino

pecorino 35 g

Vedi tutti gli ingredienti
Panna ai Funghi Porcini

Panna Chef ai Funghi Porcini ha l’intenso sapore d...

Scopri il prodotto
Panna ai Funghi Porcini

Le fave sono una verdura tipica della stagione estiva. Ottime se consumate crude, sono perfette anche come ingrediente per realizzare numerose ricette, come la vellutata di fave.

Morbida e appetitosa, questa zuppa, arricchita con Panna Chef ai Funghi Porcini, è perfetta da portare in tavola per i pranzi e le cene di famiglia o quando si hanno ospiti.

Realizzarla, poi, è davvero molto semplice: ecco come fare.


Preparazione

45 min
totali

Sgusciate le fave, poi mondate e lavate la carota e le patate e tagliatele in pezzi piuttosto grossolani.
Sbucciate anche la cipolla, che dovrebbe essere di media grandezza, e tagliatela a listarelle sottili.

Mettete a soffriggere la cipolla in una casseruola dai bordi alti con un paio di cucchiai di olio extravergine di oliva e, quando sarà leggermente appassita, unitevi le fave, la carota, le patate e circa 1 litro d'acqua; aggiustate di sale, insaporite con una generosa macinata di pepe e lasciate cuocere il tutto a fuoco medio per circa 30 minuti.

Trascorsa mezz'ora togliete la pentola dal fuoco e frullate il tutto con un frullatore a immersione, fino a ottenere una purea liscia e omogenea, alla quale aggiungerete la Panna Chef ai Funghi Porcini.

Mescolate tutto per bene e riportate la casseruola sul fuoco, lasciando cuocere la vellutata di fave ancora per una decina di minuti.

Nel frattempo ricavate 4 fette da una pagnotta di pane raffermo e fatele abbrustolire in padella, in forno o sulla piastra.

Mettete anche i due formaggi grattugiati, pecorino e parmigiano, in una ciotola, e mescolate con un cucchiaio per amalgamarli.

Mettete una fetta di pane abbrustolito in ciascun piatto, versatevi sopra uno o due mestoli di vellutata di fave, conditela con un filo d'olio e una cucchiaiata di formaggio grattugiato e portatela in tavola.

Buon appetito!

 

CURIOSITÀ

Quando arriva la stagione estiva, arriva anche il momento in cui si possono consumare delle buonissime fave fresche. Questi legumi hanno un'origine antichissima e pare che fossero diffusi nel Mediterraneo già nell'età del bronzo. Pensate quindi da quanti millenni questo alimento, appartenente alla famiglia delle leguminose, fa parte della dieta dell'uomo.

Secondo quanto scrive Apicio, un cuoco romano, nella sua opera intitolata De re coquinaria, anche gli antichi romani erano grandi consumatori di fave e conoscevano tante ricette in cui impiegarle.

Le fave, così come i piselli, possono essere consumate sia cotte che crude. Si presentano all'interno di un baccello, dal quale devono essere rimosse. La consistenza del baccello vi aiuterà a capire se le fave sono fresche o meno.

Se infatti il baccello si presenta croccante e duro al tatto, questo è indice che le fave sono fresche e perfette per essere consumate. Quando sono mature inoltre le fave sono molto tenere.

porta le ricette sempre con te

Scarica l'app
Chef, cosa cucino oggi?

Download

porta le ricette sempre con te

Scarica l'app
Chef, cosa cucino oggi?

Download

Ti potrebbe interessare anche...