Condividi

Parmalat - logo

Come gratinare in padella

Gratinare significa caratterizzare i cibi di una sfiziosa crosticina dorata e croccante sulla loro superficie. Per ottenerla si usano vari ingredienti tra cui il parmigiano grattugiato, il pangrattato e il burro, le cui sostanze (proteine, carboidrati, grassi), a elevate temperature, interagiscono con quelle delle pietanze cotte in forno, dando origine alla cosiddetta reazione Maillard, responsabile della formazione della crosticina sugli alimenti.

In padella, le elevate temperature necessarie a scatenare la trasformazione chimica si ottengono grazie al coperchio: il guscio croccante della gratinatura si realizza sfruttando il calore residuale della cottura dei cibi.

Se vi siete chiesti come gratinare in padella i vostri piatti preferiti, oggi vi diamo tutti i suggerimenti utili e vi sveliamo alcuni segreti per un risultato perfetto. Continuate a leggere:


Come gratinare in padella la pasta


La pasta gratinata è uno dei piatti più cucinati della tradizione italiana. Tutti i tipi di pasta e condimenti si prestano a essere gratinati. Una volta cotta la pasta, insaporitela con il sugo che avete scelto, per esempio ragù, salsa al pomodoro, sugo alle verdure o al pesce. Adesso passate la pasta condita in padella, dove avete già saltato il pangrattato in un filo di olio extravergine d'oliva.

Aggiungete un ingrediente che funge da collante, come la Besciamella Classica Chef o la Panna Classica Chef. Dopo aver mescolato il tutto, spolverate la superficie del composto con altro pangrattato, parmigiano e, volendo, qualche noce di burro.

Spegnete il fornello e coprite la padella con il coperchio. I grassi del parmigiano e del burro, una volta sciolti, reagiranno con i carboidrati del pangrattato e della pasta, formando la tanto ricercata e gustosa crosticina. Dopo qualche minuto, togliete il coperchio, et voilà, la vostra pasta è gratinata. Cremosa all'interno e croccante fuori, è pronta per essere servita.

E se vi è avanzata pasta dalla cena del giorno prima, gratinarla è l'ideale, così da rinvigorire il suo gusto impreziosendo le sue già ottime qualità. Seguite lo stesso procedimento sopra descritto per ottenere una gratinatura perfetta in padella. Oltre alla Besciamella Classica Chef, per una preparazione piena di sapore, unite qualche formaggio filante, come la mozzarella o la provola. I vostri ospiti ne saranno entusiasti, anche i più piccoli.

Non avete il pangrattato in casa? Nessun problema, fatelo voi con il pane raffermo. Che sia casereccio, panini o pane in cassetta, mettetelo in un mixer, attivatelo alla massima potenza e aspettate che si triti totalmente. In pochi minuti otterrete un preparato fino e asciutto, perfetto per gratinare sia la pasta che altri alimenti, come verdure, pesce e carne.

Diverso il discorso per il pane fresco. Per fare il pangrattato con il pane fresco dovrete tostarlo. Tagliatelo in piccoli pezzi e mettetelo a tostare in una padella antiaderente o in forno per qualche minuto. Una volta abbrustoliti, passate i pezzetti di pane in un mixer e tritate.


Come gratinare in padella le verdure


La gratinatura in padella è molto utilizzata per le verdure. Rispetto al forno, questa renderà una crosticina più morbida, ma ugualmente gustosa. Lavate bene e tagliate le verdure che volete gratinare. Nel frattempo, in una padella rosolate uno spicchio d'aglio in un filo d'olio.

Mettete gli ortaggi precedentemente sminuzzati e fateli cuocere. Se la cottura è lunga, potete aiutarvi con del brodo vegetale, che ammorbidirà gli ortaggi che avete scelto di gratinare. Una volta pronti, aggiungete la la Panna Classica Chef o la Besciamella Classica Chef, il pangrattato e il formaggio grattugiato e mescolate.

Potete aggiungere anche degli aromi per regalare nuovi profumi al vostro piatto, come per esempio prezzemolo, rosmarino, origano, maggiorana o erba cipollina. Potete unire anche delle spezie, come peperoncino, curry, curcuma, paprika, che contribuiranno alla creazione di un guscio croccante e fragrante. Adesso spegnete il fuoco e coprite le verdure con un coperchio: la gratinatura si realizzerà da sé in pochi minuti.

Provate a preparare i finocchi gratinati, le zucchine gratinate, le patate gratinate, gli spinaci gratinati o i cardi gratinati in padella, sono tutte ricette che si prestano a alla cottura in padella, valida alternativa al forno.

Potrete utilizzare le vostre verdure gratinate come contorno d'accompagnamento a un secondo, oppure servendole come piatto unico. E perché no, vista la loro sfiziosità, portateli in tavola come dei gustosi antipastini. Utilizzate delle coppette monoporzione, per esempio quelle monouso in forme non tradizionali, e ponete un cucchiaio di verdure gratinate. Accompagnate le coppette monoporzione direttamente con un cucchiaino, così da renderle adatte anche a un aperitivo elegante che avete organizzato in giardino con i vostri amici.

Vi è presa un'incredibile voglia di verdure gratinate ma non avete il pangrattato né pane in casa per poterlo realizzare? Nessun problema, potete ottenere una buona gratinatura anche senza pangrattato.

Se volete preparare il cavolfiore gratinato in padella, per esempio, lavatelo e tagliatene le cime, che ammorbidirete in abbondante acqua bollente e salata. Una volta morbidi, passateli in padella con aglio e olio, rendendoli belli scricchiolanti, dopo di che aggiungete la Besciamella Leggera Chef, così da assicurare un piatto light, un po' di parmigiano e mescolate, aggiustando di sale e pepe.

Spegnete il fornello e, prima di chiudere la padella con il coperchio, spargete sulla superficie altro formaggio grattugiato. Trascorsi 5-10 minuti, i vostri broccoli gratinati saranno pronti per essere portati in tavola a deliziare i vostri commensali.


Come gratinare in padella il pesce


Filetti di merluzzo, platessa, sogliola, salmone, tonno, tutti si prestano a essere gratinati in padella. La gratinatura valorizza il sapore del pesce e lo arricchisce di nuovi profumi e di una nota croccante gustosissima, per un risultato elegante e delicato.

Per gratinare il pesce in padella, iniziate preparando il pangrattato, che deve essere aromatizzato, così da insaporire il piatto a regola d'arte. In un mixer mettete prezzemolo, salvia e rosmarino e realizzate un trito aromatico che, una volta pronto, potete trasferire in una boule con olio, pangrattato e un po' di scorza di limone grattugiata.

Prendete i filetti di pesce e impanateli. Se li avete congelati, dovete scongelarli e asciugarli bene prima della preparazione, così da evitare che ributtino troppa acqua in cottura. In una padella fate scaldare un po' d'olio, che deve coprire tutta la sua superficie, perciò aiutatevi con un pennello da cucina per spargerlo in tutti i suoi lati.

Adagiate i filetti di pesce in padella e dorateli, su entrambi i lati. Una volta dorati, aggiungete sui filetti l'impanatura che vi è avanzata, mettete il coperchio alla padella, abbassate il fuoco del fornello e continuate la cottura per 4-5 minuti. I vostri filetti di pesce gratinati sono pronti, serviteli con delle verdure lesse o saltate in padella, sono l'ideale per questo secondo piatto delicato e leggero. Oppure, cuocete insieme al pesce dei pomodorini: insaporiranno i vostri filetti e potrete utilizzarli come perfetto contorno.

Per rendere il vostro pesce gratinato ancora più sfizioso, preparate una salsa d'accompagnamento, come la salsa Mornay. Morbida e cremosa, è facile e veloce da preparare. Scaldate la Besciamella Classica Chef e, poco prima che vada in ebollizione, aggiungete del groviera grattugiato, che deve fondersi completamente.

Una volta sciolto, spegnete il fornello. Nel frattempo, sbattete i tuorli d'uovo con un po' di Panna Fresca Chef e versateli nella Besciamella Classica Chef. Riportate il composto sul fuoco e, a fiamma bassa, continuate a mescolarlo fino a che non inizieranno a formarsi le prime bollicine in superficie.

A quel punto toglietelo dal fuoco, aggiungete un altro po' di Panna Fresca Chef e una noce di burro. La vostra salsa Mornay è pronta per impreziosire i vostri filetti di pesce gratinati. Il suo sapore delicato è perfettamente in linea con il gusto semplice del pesce e con l'aroma della sua impanatura.

E se volete preparare un antipasto veloce a base di pesce, provate a gratinare in padella le cozze. Il risultato, oltre a avere un gusto fantastico e leggero, sarà un piatto bello e originale da vedere, dove ogni guscio nero conterrà la cozza e una meravigliosa impanatura.

Per fare le cozze gratinate, lavatele bene e, se ce ne sono, tagliate i filamenti. Apritele aiutandovi con un coltello, spostando la punta lungo tutti i lati della conchiglia. Una volta aperte, dedicatevi alla preparazione dell'impanatura. Tritate del prezzemolo con un po' d'aglio e unite il pesto al pangrattato. Aggiungete il parmigiano grattugiato, aggiustate di sale e pepe e mescolate bene.

Prendete una padella antiaderente molto capiente e fate sciogliere qualche noce di burro. Di seguito versate il pangrattato coprendo tutto il fondo della padella e tostatetelo. Adesso adagiate le cozze, con l'interno sul pangrattato, e cuocete per 5 minuti circa.

Le vostre cozze gratinate sono pronte. Mettetene qualcuna sul piatto di ciascun invitato per un antipasto sfizioso e leggero, oppure portatele in giardino su un bel piatto e servitele come finger food durante un aperitivo tra amici.


Come gratinare in padella la carne


Per un secondo facile e sfizioso, perché non gratinare delle fette di carne? Vitello, manzo, maiale, pollo, tacchino, sono tutte adatte alla gratinatura. Farlo è velocissimo e avrete un'alternativa gustosa alla classica fetta di carne in padella.

In un mixer tritate il prezzemolo e l'aglio. In una boule mettete il pangrattato e il parmigiano, aggiungete il trito e l'olio: il composto deve essere visibilmente simile alla sabbia bagnata. Assaggiate e aggiustate di sale e di pepe.

Impanate le fette di carne che avete scelto e mettetele a cuocere in una padella con un filo d'olio. Dopo averle dorate su entrambi i lati, cospargete la restante impanatura e coprite con il coperchio. Fate cuocere per 5 minuti. Le vostre fette di carne gratinate in padella sono pronte. Squisite da leccarsi i baffi, l'impanatura così fatta crea un guscio croccante e saporito, mentre l'interno è rimasto morbido e tenero.


prossimo articolo

Come fare le polpette

LEGGI